Salemi-Torna la Sagra della Busiata

 

Torna l’appuntamento gastronomico, giunto alla 12° edizione, che si svolge tra i vicoli del centro storico di Salemi, richiamando ogni anno migliaia di visitatori e amanti della buona tavola che potranno assaggiare la particolare pasta lavorata a mano secondo diverse varianti culinarie, il tutto accompagnato con i vini delle aziende locali. Enogastronomia e cultura si incontreranno così, ancora una volta, giovedì 11 agosto, per l’ormai tradizionale manifestazione, organizzata dalla Città di Salemi e dall’associazione Ristoratori Alicensi. Prenderà il via alle 20.00 riproponendo piatti prelibati tra buon vino, musica e cultura. A fare da sfondo sarà il borgo, che offrirà un motivo in più per la scoperta delle ricette della cucina tipica siciliana grazie alla possibilità di visitare anche il sistema museale della città. Sei le postazioni previste, di altrettanti ristoratori, in cui si potrà gustare la caratteristica pasta, condita con prodotti locali e un pizzico di fantasia da parte degli chef. Le busiate debbono il loro nome alla cosiddetta busa, il ferro da calza utilizzato dalle massaie per realizzarle. In origine si trattava di una sorta di sottile cannuccia ricavata dagli steli della ddisa, termine dialettale per indicare l’ampelodesmo, pianta perenne spontanea della famiglia delle graminacee, presente nei terreni incolti e aridi delle campagne. In seguito la busa vegetale fu sostituita dagli attrezzi metallici utilizzati per i lavori a maglia. Uno strumento tessile convertito alla gastronomia che dà alla pasta la caratteristica forma concava che produce un duplice effetto: facilitarne la cottura, mantenendo una consistenza gradevole, e favorirne la permeabilità al condimento che l’accompagna. In origine a Salemi era principalmente utilizzato il ragù di carne di castrato o, in alternativa, di maiale; oggi si sono diffuse tantissime versioni, vista la ricca varietà di salse tipiche della gastronomia trapanese, compresa quella marinara. Una cantina sponsor e gruppi musicali di vario genere accompagneranno i ristoranti. Nuovamente presente anche quest’anno, come già avvenuto lo scorso anno, la postazione “gluten free”, con la busiata realizzata con farine prive di glutine e dedicata ai celiaci ma anche ai “puristi” dell’alimentazione. La novità di questa edizione è, invece, la busiata integrale di grano tumminia. All’organizzazione dell’evento collaboreranno anche l’Associazione di protezione civile Goe e la Pro Loco di Salemi.