Rottura Pdl, nascono i “Futuristi”

0
391

TRAPANI – La spaccatura del Pdl trapanese oramai è diventata più che ufficiale. Lo certifica l’annuncio della nascita del movimento politico “Futuristi” che ha come suo leader il sindaco di Mazara del Vallo, ed ex parlamentare, Nicola Cristaldi. La nuova realtà politica  parte essenzialmente dalla cittadina mazarese dove hanno già aderito 6 consiglieri comunali, ma nelle prossime ore potrebbero lievitare di qualche unità: si tratta di Pietro D’Angelo, Francesco Foggia, Vito Gancitano, Vito Foderà, Vito Barracco e Giuseppe Tumbiolo. Inoltre, sempre a Mazara, quasi tutta la giunta municipale ha già dato la propria adesione ad eccezione dell’assessore Duilio Pecorella. Anche in seno al consiglio provinciale sono arrivate già diverse adesioni, quelle dell’area vicino a Silvano Bonanno. I Futuristi sono nati proprio in aperto dissenso con il Pdl provinciale: “Su tratta di un contenitore – afferma il coordinatore, Nicola Cristaldi – nel quale sono compresi coloro che non si riconoscono più nel Pdl, coloro che pensano siano importanti e determinanti i principi del cattolicesimo anche in politica e quelli che da sempre hanno sposato un’area riformista del sistema italiano”. Arriva quindi al culmine oramai la contrapposizione nata all’interno del Pdl trapanese tra lo stesso Cristaldi ed il senatore Antonio D’Alì, nata lo scorso anno in occasione delle amministrative di Alcamo per le divergenze sorte sulla collocazione politica del Pdl nel panorama locale. Ne nacque una profonda spaccatura al punto che Cristaldi, che all’epoca era coordinatore provinciale del Pdl, fu rimosso di forza da un congresso organizzato in fretta e furia a Trapani e che vide eleggere D’Alì. Da allora è stato solo un continuo j’accuse tra le parti arrivato ad oggi con la totale rottura e la fuoriuscita dunque dell’anima cristaldiana dal Pdl. “Prendiamo atto – scrive nel documento Cristaldi – di un disorientamento della società italiana e siciliana, in particolare, che scaturisce anche dal risultato elettorale, essendo necessario ripristinare il valore morale della politica ed il gusto del raggiungimento di obiettivi legati agli interessi collettivi. In particolare, in provincia di Trapani, assistiamo ad una deriva nella quale diverse intelligenze non intendono essere coinvolte, prendendo atto della facilità di cambiamenti repentini di opinioni e contraddizioni che mortificano costantemente il senso della politica. Sulla base di queste riflessioni nasce il Movimento politico Futuristi”. Per la prossima settimana sarà indetta una conferenza stampa di presentazione del Movimento e dello spazio che i “Futuristi” intendono crearsi nella politica anche attraverso l’interazione o il coinvolgimento di altri Movimenti territoriali.