Regione avvia ‘Unità di Crisi’ per l’agricoltura. Cresce protesta, trattori al porto di Mazara

0
328
protesta agricoltura

Il governo regionale non poteva far finta di non vedere e non sentire la protesta degli agricoltori che, con i loro trattori, stanno invadendo diverse località della Sicilia. Per questo la Regione ha deciso di istituire  l’unità di crisi sull’agricoltura con l’obiettivo di fronteggiare le gravi difficoltà che il settore sta vivendo in Sicilia, come nel resto d’Europa. A presiederla sarà l’assessore regionale al ramo, Luca Sammartino. La prima riunione è prevista per martedì prossimo alle 15 a Palazzo d’Orléans, alla presenza del presidente della Regione, Renato Schifani. Ne faranno parte, oltre all’assessore Sammartino, i dirigenti generali dei dipartimenti Agricoltura, Attività sanitarie ed osservatorio epidemiologico (il cosiddetto Dasoe), Acqua e rifiuti e Protezione civile, oltre al segretario generale dell’Autorità di bacino. I compiti più importanti assegnati all’unità di crisi sono quelli di ricevere le segnalazioni delle aree più colpite (ad esempio gli allevamenti senza acqua) e richiedere l’eventuale intervento della Protezione civile, coinvolgendo anche i Comuni; individuare la necessità di deroghe e provvedimenti che derivano dallo stato di crisi, che bloccano altri percorsi come, per esempio, l’agricoltura biologica; inglobare le strategie di adattamento climatico dell’agricoltura nei bandi del Piano strategico della Politica agricola comune (Psp), analizzando gli effetti del Pnrr e valutando la cancellazione di sussidi ambientalmente dannosi (come quelli su gasolio agricolo, meccanizzazione elettrica, acque reflue). La commissione – si legge in una nota della Regione – è aperta al confronto con le associazioni di categoria, organizzazioni sindacali e rappresentanti del settore agricolo.  Intanto impazza la protesta. Ieri ben 500 trattori hanno invaso le strade delle Madonie. Nel trapanese, dopo l’avvio delle manifestazioni e Poggioreale e poi  l’arrivo dei mezzi a Castelvetrano, la protesta degli agricoltori ha raggiunto anche Mazara del Vallo. Ieri mattina hanno fatto ingresso nell’area del porto nuovo i trattori che aderisco al movimento ‘La Sicilia alza la voce’.