Quartiere di Alcamo in festa per la solennità di Sant’Anna

0
130

Si celebra ad Alcamo la solennità di Sant’Anna a partire dal prossimo 17 luglio e fino al 25 si svolgerà la novena nei giorni feriali da lunedì a sabato. La novena si articola con la recita del rosario in dialetto e le celebrazioni eucaristiche. Il 23 luglio alle 21il concerto della corale “Adragna”. I ragazzi di Noi oltre il teatro il 24 luglio alle 21 presso il salone parrocchiale, per la regia di Rita Maria Mancuso, porteranno in scena lo spettacolo “Emozioni”. Partecipazione speciale di Silvana Giacone, riferimento della rete civica per Alcamo.  Allo spettacolo collabora The vocal accademy Alcamo. Partecipano i Calandra&Calandra. I ragazzi della catechesi e loro famiglie animeranno la serata di giorno 25 presso la cava Orto di Ballo. Giorno 26 solennità di Sant’Anna nel pomeriggio la processione, e conclusione all’Orto di Ballo con la benedizione delle donne in attesa. Domenica 28 luglio celebrazione della giornata mondiale dei nonni e degli anziani. La prima notizia in cui viene definita cappella di Sant’Anna si ha in un atto notarile del 15 novembre 1582. Lo storico De Blasi afferma che il 15 gennaio 1653 il barone Francesco Triolo ebbe dal Papa Innocenzo X°  il permesso di trasformare la cappella in chiesa. La chiesa fu riedificata dopo il 1845. Nel 1954 le autorità comunali furono costrette a fare murare l’ingresso, per il grave stato di abbandono in cui si trovava. Nel 1960 la farmacista Marianna Raccuglia vedova Manno e i figli cedettero in uso al Comune la chiesetta di Sant’Anna, allora chiusa al culto. Negli anni ottanta i padri Salesiani utilizzarono la chiesa per usi liturgici per i fedeli della contrada. Questa una breve ricostruzione storica della chiesa di Sant’Anna dove si svolge la solennità dedicata a colei che  è considerata dalla tradizione cristiana la moglie di Gioacchino e la madre della Madonna.