Protesta allentate?

    Il movimento Forza d’Urto ha chiesto alle questure competenti una proroga di almeno cinque giorni per continuare nelle manifestazioni di protesta sull’isola. Ufficialmente la protesta degli autotrasportatori in Sicilia si è conclusa a mezzanotte, ma adesso il movimento dei forconi intende andare avanti. Chiesta una proroga del blocco per altri cinque giorni. «Non parlerei di rivolta ma sicuramente di fatti gravi e preoccupanti» dei quali «parlerò la prossima settimana con il governatore siciliano Lombardo». Così il premier Mario Monti ha risposto sulla protesta dei Forconi. La Sicilia in ginocchio, ma questa protesta sarà allentata . Con una nota indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Presidente della Regione Siciliana, il sindaco di Marsala Renzo Carini chiede ai due Rappresentanti istituzionali concreti interventi per fronteggiare lo stato  di crisi lamentato in Sicilia. “Le manifestazioni di protesta che in queste giornate si registrano in Sicilia rappresentano più di un campanello d’allarme dagli esiti imprevedibili se, tutti assieme – scrive Carini -, non si presta ascolto alle motivazioni che le alimentano. C’è una crescente sofferenza sociale che gli autotrasportatori e il cosiddetto “Movimento dei Forconi” stanno esternando attraverso blocchi alla viabilità, ai rifornimenti dei mercati, nelle aree portuali e che – per certi versi – trovano consenso. Questo perché i cittadini consumatori, “vittime” di questa protesta, vivono a loro volta quella stessa sofferenza fatta di quotidiani sforzi per sopportare la grave crisi economica. Si allenta dopo diversi giorni la morsa dei blocchi stradali che provoca disagi al trasferimento delle merci in Sicilia. La protesta dei forconi, che vede alleati autotrasportatori ed agricoltori sta  proseguendo in diversi punti dell’isola. La posizione dei leader: «È urgente che riprenda normalmente il trasporto merci in Sicilia» dice Martino Morsello, leader del Movimento dei forconi rivolto agli autotrasportatori. Intanto però conferma che la protesta in Sicilia, giunta ormai al sesto giorno, proseguirà fino al prossimo 26 gennaio.