Polizia ferma gruppo di giovani pusher, quasi tutti di ‘famiglie bene’. Operava fra Alcamo e Castellammare

Le indagini erano partite l’estate scorso quando, durante alcuni controlli di routine del territorio, gli agenti del commissariato di Alcamo avevano rinvenuto, a più riprese, modiche quantità di droga.  Ne erano in possesso ragazzi molto giovani e tra loro legate da una certa frequentazione. I poliziotti non hanno quindi più mollato la presa e attraverso diverse attività incrociate sono riusciti a chiudere il cerchio su un gruppo di giovani e giovanissimi di Alcamo e di Castellammare del Golfo.

Cinque le misure emesse dall’autorità giudiziaria e tutte, tranne una, per ragazzi dai 21 ai 23 anni, incensurati, e di ‘famiglie bene’ o, come si suol dire, ‘sconosciute’ alle forze dell’ordine. Uno dei coinvolti, un cinquantottenne pregiudicato, è stato arrestato. Per tutti gli altri è invece scattato l’obbligo di dimora. Lo smercio, secondo gli inquirenti, riguardava quantità ridotte e aveva, come terminale, la cerchia di amici degli indagati. Alcamesi soprattutto ma anche alcuni castellammaresi.