Poggioreale-Arrestato per furto di rame partinicese in trasferta

0
762

 

Matasse di rameChe il rame sia diventato molto redditizio sono senza dubbio consapevoli tante bande criminali che, con sempre maggiore frequenza si dedicano a fare incetta di cavi elettrici dai Colonnine lucetralicci della linea elettrica ramificata in tutta la provincia di Trapani, determinando non pochi disagi. In tutta la valle del Belice, recentemente si sono verificati numerosissimi furti di cavi elettrici che, oltre a causare ingenti danni economici al principale distributore nazionale di energia elettrica, hanno privato moltissimi cittadini della corrente nelle loro abitazioni sia di campagna che in quelle principali di residenza, senza contare le gravi ripercussioni per gli agricoltori costretti ad interrompere le loro attività. Ultimamente, sulla SS. 624, presso lo svincolo di “Poggioreale”, l’Anas è stata anche derubata di circa 1300 metri di cavi di rame necessari per l’illuminazione pubblica dello stesso snodo stradale. A seguito delle lamentele dei cittadini e di quest’ultimo grave furto, la Compagnia Carabinieri di Castelvetrano ha rafforzato i controlli ed è così che a Poggioreale sono riusciti ad intervenire in tempo reale in uno dei tanti raid. Una pattuglia, infatti, nel transitare nei pressi dello svincolo, venerdì notte, ha notato delle matasse del prezioso materiale nei pressi del deposito Anas. I militari dell’Arma, hanno così bloccato il 45enne partinicese Vincenzo Vitale, dichiarato in stato di arresto per tentato furto aggravato. La refurtiva, pronta per essere recuperata, consisteva in circa 17 matasse per un totale di circa mezza tonnellata, corrispondente ad almeno ottomila euro di profitto illecito. Tutto il materiale è stato restituito al personale Anas, mentre il partinicese, dopo la convalida dell’arresto, è stato sottoposto ai domiciliari e all’obbligo di non allontanarsi dal luogo di residenza senza la prescritta autorizzazione del giudice.