Patto Agricoltura e Pesca: sollecitata rimodulazione dei finanziamenti

    0
    367

    Il Presidente del Consiglio Provinciale, Peppe Poma, è tornato a sollecitare, a nome dell’intera Aula, la celere emanazione del decreto di autorizzazione alla rimodulazione dei finanziamenti ancora spettanti ai soggetti facenti parte del Patto per l’Agricoltura e la Pesca “Provincia di Trapani”.

    La nuova sollecitazione fa seguito al parere positivo espresso dalla Giunta Regionale di Governo con apposita deliberazione adottata nel maggio dello scorso anno ma, nonostante siano trascorsi quasi 10 mesi da quell’indispensabile adempimento, il Ministero dello Sviluppo Economico, anche per la lunga vacatio registratasi prima della recente nomina del nuovo Direttore Generale, non ha ancora provveduto al completamento dell’iter occorrente per l’attesa assegnazione delle risorse effettivamente rimodulabili, derivanti da rinunce, revoche ed economie varie, che ammontano complessivamente ad euro 5.301.362,79.

    “Un intero territorio locale, attraverso il soggetto capofila, Provincia Regionale di Trapani, – scrive, fra l’altro, il Presidente Poma nella nota trasmessa all’attenzione del nuovo Direttore Generale del Ministero dello Sviluppo Economico, Dott. Vincenzo Donato – in coerenza con gli obiettivi del patto territoriale sottoscritto, nel rispetto della normativa di riferimento e delle indicazioni operative fornite dalla Direzione Generale, ha investito proprie risorse puntando su questo strumento della programmazione negoziata ed affiancandolo a tutte le altre iniziative di promozione e sviluppo locale programmate. La normativa di riferimento, nonché le circolari, le note e tutte le comunicazioni fino ad ora emesse dalla Direzione Generale hanno lasciato intuire che l’emanazione del decreto di autorizzazione alla rimodulazione è legata esclusivamente ad un ritardo relativo alla attesa riassegnazione delle somme perenti necessarie, e non, a specifici motivi giuridico-legislativi che possano ostacolare l’iter di autorizzazione stesso. Pertanto – prosegue Peppe Poma – su espresso mandato in tal senso ricevuto dall’intero Consiglio Provinciale nella seduta del 23 febbraio scorso, chiedo di procedere ad un pronto intervento che consenta di poter emettere in tempi brevi il decreto autorizzativo alla rimodulazione”.

    Poma sottolinea altresì che “l’urgenza della richiesta in questione è motivata dalla impellente necessità di consentire la positiva conclusione del programma di sviluppo locale approvato sia per gli investimenti privati già ultimati che per quelli pubblici realizzati e da realizzare ad essi direttamente e/o indirettamente connessi. finanziamenti ancora spettanti che per la Provincia Regionale di Trapani, socio unico dell’“Agriturpesca s.r.l.”, rivestono rilevante importanza per l’impulso che possono dare alle attività imprenditoriali ed al conseguente sviluppo economico del territorio”.

    In particolare, l’autorizzazione alla rimodulazione consentirà di porre in essere importanti interventi infrastrutturali legati alla qualità, all’innovazione ed al trasferimento tecnologico nonché allo stoccaggio ed alla logistica dei prodotti agricoli e della pesca. Fra l’altro, coerentemente con le finalità del Patto Territoriale per l’Agricoltura e la Pesca “Provincia di Trapani”, è prevista la realizzazione di un capannone industriale con relativi impianti in località Sasi, nel Comune di Calatafimi-Segesta, con annessa sistemazione e ampliamento della S.R. n. 8 Amburgio – Morfino – Rincione – Coda di Volpe.