Partinico: vigili urbani, esposto alla Procura

PARTINICO – Finisce sul tavolo della Procura di Palermo il caso della nomina del comandante dei vigili urbani di Partinico, Giuseppe Russo, da parte del sindaco Salvo Lo Biundo. La federazione provinciale della Cgil ha presentato un altro esposto, questa volta anche alla Procura palermitana, per evidenziare quello che ritiene un abuso da parte del primo cittadino. Il sindacato ha puntato il dito principalmente sulla questione dell’anzianità di servizio. Questa è indicata come la violazione più evidente: riprendendo il regolamento di polizia municipale del Comune è stato fatto presente che “il comandante è sostituito dall’addetto di qualifica più elevata presente in servizio e, a parità di qualifica, dal più anziano” che non sarebbe il nominato Russo. Per la Cgil, quindi, tale decisione “genera responsabilità patrimoniale” ed è per questo che l’esposto è stato inviato anche alla Corte dei Conti. Sempre secondo il sindacato sarebbe stato anche violato il contratto nazionale di lavoro secondo il quale si stabilisce che il comandate deve essere inquadrato nella categoria “D” mentre Russo appartiene alla categoria “C”: “La cosa paradossale – si legge nell’esposto – è che in servizio al Comune ci sono diverse figure inserite in categoria D”, cosa di cui evidentemente non è stato tenuto conto. Alla Procura viene fatto un excursus di come si è evoluta la vicenda. Infatti si stava anche superando ad un certo punto l’ostacolo con l’annuncio, da parte del segretario generale del Comuen Vincenzo Pioppo, di una nuova indizione di avviso pubblico per la nomina del comandante di polizia municipale: “Invece – aggiungono il coordinatore degli enti locali Raffaele Sanfratello e l’esponente della segreteria provinciale Giovanni Cammuca della Cgil -non solo nessun atto gestionale consequenziale è stato portato avanti a conclusione dell’iter procedimentale ma il sindaco riconfermava l’incarico a Giuseppe Russo”. Totalmente opposta la tesi invece portata avanti dal sindaco Salvo Lo Biundo e dagli uffici. Il primo cittadino ha infatti evidenziato al contrario che tutto l’iter è stato realizzato nel rispetto del contratto di lavoro e delle normative in vigore. In particolare il primo cittadino fa leva sul regolamento degli uffici e dei servizi interno al Comune: “All’articolo 13 – precisa – si stabilisce quale natura di nomina del responsabile di settore un rapporto fiduciario. Ci siamo mossi in questa direzione nella logica dei tagli alla spesa pubblica”. A suffragare il corretto iter anche il segretario generale: “Il regolamento parla chiaro e non permetterebbe una sostituzione del responsabile di settore con un dipendente di categoria inferiore alla ‘D’ se si trattasse di assenza temporanea del capo dei caschi bianchi. Inoltre in questo caso si dovrebbe procedere alla nomina del dipendente più anziano del Settore. Ma la situazione di Partinico è totalmente diversa. Si è infatti in presenza di un’assenza prolungata, tanto che il comando è privo di un titolare di categoria ‘D’ dal maggio del 2013”.

Her first fashion show for the company came in 1999
burberry schal 10 tips to buy Replica Handbags

but it can be nourished
spaccio woolrich bolognaA Sporty And Fashionable Design