Partinico: Fuoco devasta terreni lago Poma

0
275

Un incendio di grande entità si è verificato nella vasta area attorno alla diga Jato di Partinico, radendo al suolo buona parte della vegetazione che campeggiava negli ampi terreni incolti che circondano l’invaso. Tantissima la paura per alcune abitazioni che sono state lambite dalle fiamme, qualcuno ha anche rischiato di rimanere intossicato dalle esalazioni del fumo. Alla fine il massiccio dispiegamento dei soccorsi e l’aiuto anche di qualche residente con mezzi di fortuna ha evitato il peggio. Il devastante rogo è partito ieri intorno alle 15: in pochi minuti, a causa delle alte temperature e del vento di scirocco, il piccolo incendio partito a valle nei pressi di contrada Valguarnera si è espanso in maniera vertiginosa sino a raggiungere il Poma. Sul posto le squadre della protezione civile di Partinico e San Cipirello, dei vigili del fuoco del distaccamento stagionale di Camporeale e della Forestale di Borgetto. In tutto cinque mezzi e una trentina di operatori antincendio si sono messi al lavoro dividendosi per zona. Infatti erano ben quattro i fronti del fuoco da dovere contrastare alimentati proprio dal forte vento che ha trasportato tizzoni ardenti da un punto ad un altro creando numerosi focolai. Ad essere divorati in poco tempo centinaia di metri quadrati di vegetazione, tra sterpaglie, canneti e alberi. Tre le abitazioni che sono state minacciate dalle fiamme. Una, che risultava abbandonata, alla fine è stata aggredita dal fuoco e le mura esterne sono state annerite. Un’altra invece è stata in fretta e furia evacuata dagli stessi residenti, una coppia di coniugi, a causa del fumo che aveva invaso l’abitazione rischiando quindi l’intossicazione. Marito e moglie hanno quindi aiutato i soccorsi lanciando secchi d’acqua ed evitando così che potesse essere intaccato dalle fiamme che avanzavano anche il loro vigneto. Inizialmente si era pensato di chiedere un intervento aereo poi però sono arrivate altre squadre antincendio a rinforzo dei soccorsi le quali si sono rese operative sin da subito circoscrivendo le fiamme. L’intervento è durato oltre tre ore ma alla fine protezione civile, forestale e pompieri sono riusciti ad avere la meglio sul fronte delle altissime fiamme, evitando ogni danno a cose o persone. Sino ad oggi gli incendi nel partinicese sono stati molto contenuti: con questo si è arrivati al terzo intervento massiccio. In precedenza erano state aggredite dal fuoco pesantemente contrada Mirto e Colle Cesarò: anche in questi casi non si sono registrati danni a cose o persone.