Partinico: escalation criminalità, paura in città

0
445

Una trentina di incendi dolosi accertati ad auto e immobili, decine di furti, scippi e rapine, alcune anche violente, ed ancora raid vandalici. il 2013 si è chiuso a Partinico con una vera e propria escalation di episodi di microcriminalità. Sensazione più che palpabile anche per i cittadini e raccolta anche dal consiglio comunale che chiede a gran voce la convocazione in città del comitato per l’ordine e la sicurezza della prefettura di Palermo. Ad avanzare ufficialmente l’istanza questa mattina i consiglieri Mauro Lo Baido e Totò Rappa i quali sollecitano espressamente il sindaco Salvo Lo Biundo a richiedere la convocazione dell’organismo: “Nel corso degli ultimi mesi – scrivono Rappa e Lo Baido – si è consumata a Partinico una escalation di gravi episodi di criminalità, con svariate rapine in pieno centro storico cittadino. Ogni giorno riceviamo sollecitazioni da parte dell’opinione pubblica affinché si intervenga in maniera ancora più stringente. La questione vera è la drammatica carenza di organici delle nostre forze dell’ordine che non consente di garantire il necessario controllo del territorio”. Sotto questo aspetto un sicuro deterrente per la criminalità potrebbe essere la videosorveglianza, progetto messo a punto proprio da Lo Baido negli anni passati e dato in appalto in questi giorni dal Comune. In tutto sono previste le installazioni di 34 telecamere di ultima generazione che permetteranno il monitoraggio a ciclo continuo di 20 o più siti sensibili in città. Nel progetto è prevista la creazione di una rete locale Hiper Line che permetterà di gestire il collegamento fra le telecamere attraverso un’infrastruttura wireless del tutto autonoma che eviterà al Comune il pagamento di canoni verso altri gestori esterni. Un sistema studiato per permettere l’eventuale ampliamento nel caso dell’acquisto di ulteriori telecamere. Le postazioni saranno mobili e potranno essere spostate in base alle necessità. “Necessita però – aggiungono i due consiglieri – un’azione immediata e incisiva per garantire una maggiore sicurezza ai nostri cittadini. Avvertiamo l’esigenza di attuare una riflessione più generale sulla situazione dell’ordine pubblico nel territorio al fine di individuare dei margini per migliorare il coordinamento e le sinergie tra le istituzioni preposte”. Ecco perché Lo Baido e Rappa hanno chiesto al primo cittadino, in qualità di “massimo esponente della pubblica sicurezza nel territorio”, di chiedere l’immediata convocazione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica al prefetto di Palermo “al fine di individuare una strategia comune attraverso cui fronteggiare le emergenze”.