Partinico-Centro storico si veste di Natale, incognita sugli eventi

0
556

Torna l’isola pedonale in via Francesco Crispi e la corsia sempre pedonale nel corso dei Mille. Il periodo natalizio porta con sè importanti novità alla viabilità nel cuore del centro storico della città. A cominciare proprio dalla via Crispi che resterà chiusa al transito veicolare, ad eccezione di alcuni attraversamenti in favore di attività mediche e residenti, sino al prossimo 6 gennaio. Nel contempo, al di là degli orari della zona a traffico limitato che restano confermati, in corso dei Mille è stata istituita la “corsia pedonale” a destra della carreggiata rispetto alla direzione di marcia veicolare. Le importanti novità dell’assetto al traffico veicolare, disposte dal comando di polizia municipale, arrivano in virtù dell’installazione dei maestosi arredi natalizi. Dallo scorso fine settimana associazioni, liberi professionisti e semplici volontari, supportati da squadre di operai e tecnici del Comune, sono al lavoro per l’installazione degli arredi natalizi in legno. Materiale raffinato e artistico, realizzato lo scorso anno per la prima volta da tanti volontari che hanno offerto la propria professionalità (architetti, ingegneri, falegnami, operai, muratori e semplici cittadini), e che in questi giorni è stato ulteriormente implementato con nuovi arredi ed illuminazione, con qualche piccola modifica qua e là. In particolare la modifica più importante è stata quella dell’albero installato in piazza Duomo, costruito con una serie di cubi l’uno sopra l’altro: “Un’idea che è nata quasi casualmente – ammette l’architetto Arturo Morzetta, factotum di questa iniziativa di volontariato già dallo scorso anno – mentre stavo giocando con le costruzioni con mio figlio e mio nipote. Da questa bozza sono partito per quest’assemblaggio”. Poi chiaramente con il tocco artistico: sono stati traforati 3.720 ritagli in legno per permettere un passaggio di luci e colori davvero suggestivi. Al lavoro falegnami e ragazzi che hanno contribuito per il taglio e la pitturazione. Altra novità sarà l’installazione di una mega stella accanto alla capanna della natività: “E’ alta 7 metri – precisa Morzetta -, assemblata con parti metalliche che dominerà senza dubbio insieme agli altri arredi”. Ora la vera sfida sarà quella chiaramente di riempire di contenuti questa bellissima “opera d’arte” a cielo. Non sarà facile perchè per attirare gente c’è bisogno anche di realizzare eventi. Dal Comune arriverà a livello economico poco o niente considerati i non facili momenti che stanno vivendo le finanze dell’ente. “Stiamo cercando con l’aiuto di sponsor di poter realizzare qualche evento – precisa il presidente della Pro Loco, Benito Coniglio -, tutto è in itinere. Assicuriamo come l’anno scorso i mercatini di Natale in piazza Verdi, poi c’è anche tutta un’opera in cantiere con le scuole che stanno collaborando fattivamente. Da loro sta arrivando una grande mano d’aiuto”. Ancora una volta quindi Partinico è costretta ad affidarsi al volontariato e alle aziende private. Non una novità purtroppo per una città che oramai da tempo non offre più grandi spunti sul piano delle attrazioni e degli spettacoli: non c’è quasi più nulla durante il periodo estivo ed è persino naufragata la “Notte bianca” che quest’anno non è stata nemmeno riproposta.