Pallacanestro/serie D-Gara 2 finale: prima sconfitta per Alcamo ad Adrano

 

Lo striscione “Benvenuti all’inferno” con cui è stato accolto Alcamo non dava adito a dubbi. Così è stato. Dopo 19 vittorie in altrettante gare disputate, la corazzata di coach Ferrara perde per la prima volta in questo campionato, in quel di Adrano, e rimanda tutto a gara 3, al “PalaTreSanti” di Alcamo, che decreterà la promozione in serie C. Che il pomeriggio di ieri non sarebbe stato amichevole, è stato subito chiaro per la squadra alcamese: la società locale, adducendo come motivazione il fatto che i giocatori avrebbe potuto perdere la concentrazione, non ha più voluto effettuare lo scambio di doni e le strette di mano, al termine della presentazione, così come era stato invece precedentemente concordato. A prescindere da questo, i locali hanno meritato il successo lottando con le unghie con i denti. La Lipari Consulting deve certamente fare il “mea culpa” per i tanti errori al tiro, per le gambe poco reattive e i pochi rimbalzi catturati.  Adrano parte subito forte e si porta sul 10–2 con gli ottimi Lo Faro e Whatley, mentre Alcamo nel primo periodo annaspa, sbaglia tanto in difesa ma anche in attacco e poi si riavvicina con Giusti e Andrè. Nel secondo periodo nulla cambia con la Lipari Consulting che non riesce a trasformare l’adrenalina in energia positiva. Dieci lunghezze  separano le due squadre 37-27 a conclusione della pausa lunga. Nel terzo quarto, quello più emozionante, Alcamo cresce e inizia ad accorciare fino al 44-43. Un solo punto di vantaggio per gli avversari e gara riaperta. Ma per poco. Il quintetto alcamese perde anche il play Ferrara per l’ennesimo riacutizzarsi dell’infortuno al ginocchio. In una gradinata stracolma scoppia anche un piccolo parapiglia. Interviene la polizia , ma nulla di particolarmente grave. Via via la Lipari Consulting  perde i pezzi per raggiunto limite di falli, a fine gara 37 falli ai danni di Alcamo e 25 per Adrano con i susseguenti 47 liberi per i locali e 27 per gli ospiti. Alla fine la Lipari Consulting avrebbe potuto evitare la sconfitta se avesse giocato con maggiore lucidità e migliore approccio iniziale. Al suono della sirena, con la vittoria in cassaforte, esplode la festa degli adraniti e l’affetto nei confronti di coach Castiglione e di Maurizio Grasso , alla loro ultima apparizione alla Tensostruttura, e che nel pre-gara erano stati salutati con cori e striscioni. Domenica, ad Alcamo, la loro speranza è che il loro definitivo addio possa coincidere con la serie C. Ma  per gara 3, tra le mura amiche, l’Alcamo si prepara a suonare tutta un’altra musica.

Adrano – Lipari Consulting 77 – 65 ( 15 – 7; 22 – 20; 18 – 20; 22 – 18)

Adrano: Ricceri, Bascetta, Ragusa, Lo Faro 8, D’Agata, Amoroso G. 2, Russo 9, Whatley 33, Leanza 16, Amoroso F, Bua, Grasso 9. Coach: Vincenzo Castiglione

Alcamo: Ranalli 7, Ajola 5, Bottiglia 5, Giusti 11, Russo Tiesi 6, Ferrara, Andrè 10, Provenzano 12, Agrusa, Genovese 9, Alfano, Blunda. Coach: Vincenzo Ferrara.