“Onora la Madre”, a teatro per dire no alla violenza

Nell’ambito delle manifestazioni organizzate dall’assessorato alla cultura del Comune di Alcamo per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, stasera alle 20.30 presso il Teatro Cielo d’Alcamo, in piazza Castello, sarà presentato dal Teatro Atlante lo spettacolo “Onora la Madre” di e con Preziosa Salatino, regia di Emilio Ajovalasit.

Note sullo spettacolo “Onora la madre”: Annina è una donna del Sud, vittima spesso inconsapevole di condizionamenti sociali violenti, di lotte per il potere, di un sistema patriarcale non superato. Annina parla coi morti, la sua casa si popola di ombre, come in un delirio febbrile personaggi e avvenimenti prendono forma ai suoi occhi, oggetti d’uso quotidiano si fanno veicolo di ricordi. L’apparente “realismo” dello spettacolo rivela presto la sua ambiguità, questo lavoro infatti, nasce anche dalla volontà di attualizzare un personaggio letterario: la regina Gertrude, madre di Amleto. Molte analogie fra le due donne: entrambe si ritrovano al centro di giochi di potere gestiti da uomini, finzione e realtà si fondono. Al racconto di Annina fanno fugacemente eco parole e frasi dell’Amleto. Le due storie mostrano il dramma comune a tante donne meridionali: infanzie austere prive di carezze, matrimoni combinati, maternità precoci, vedovanze e lutti da ostentare, sottomissione ai propri mariti, spirito di abnegazione nei confronti della famiglia, rapporto difficile con i figli maschi e infine un sofferto e opprimente senso dell’ “Onore”.

Per l’assessore alla cultura, Elisa Palmeri: “Uno spettacolo che, come si evince dalle note della regia, vuole mettere in evidenza un sistema culturale dove i condizionamenti sociali possiedono una forza tale da sconvolgere quegli affetti fondamentali della quotidianità e soprattutto, mostrare come la linea che separa il mondo dei vivi da quello dei morti si rivela, spesso essere effimera”.