Serie B – Vince il Trapani in trasferta. Rosanero sconfitti al “Barbera”

0
381

1383769_3549093661569_719499038_nIl Trapani vince di misura al “Menti” di Castellammare di Stabia e porta a casa punti preziosi. Protagonisti del match, per il Trapani, Mancosu, che realizza una doppietta, e Nizzetto. Le due reti dei campani, che sfiorano più volte il pari, portano la firma diSowe. Tra le note stonate l’espulsione, per gioco pericoloso, di Djuric ad appena tre minuti dal suo ingresso in campo al posto di Nizzetto.

FormazioniJUVE STABIA: Calderoni, Zampano, Lanzaro, Contini, Vitale (11’st Diop), Mezavilla, Jidayi (13’st Suciu), Parigini, Sowe, Ghiringhelli, Doukara. A disposizione: Viotti, Ciancio, Doninelli, Murolo, Suciu, Diop, Martinelli, Di Nunzio, Elefante.

TRAPANI: Nordi, Garufo, Pagliarulo, Martinelli, Rizzato, Finocchio (14’st Basso), Pirrone, Ciaramitaro, Nizzetto (40’st Djuric), Mancosu, Gambino (18’st Caccetta). A disposizione: Marcone, Basso, Caccetta, Madonia, Pacilli, Vitale, Abate, Djuric, Iunco.

La cronaca.Trapani subito in avanti, ma Mancosu viene anticipato da Calderoni. I locali ci provano con una punizione battuta da Vitale, il colpo di testa di Mezavilla però finisce a lato. I granata cercano il vantaggio con Garufo che calcia da fuori area, ma la sfera finisce alta. Al 16’ Mancosu porta in vantaggio il Trapani. Il centravanti sardo, sul filo del fuorigioco, supera Calderoni in uscita e deposita il pallone in rete, dedicando il goal alla sua Sardegna che sta vivendo momenti tragici. I granata spingono e al 25’ raddoppiano con Nizzetto che pennella una punizione dai 25 metri che s’insacca alle spalle dell’estremo difensore campano. I locali reagiscono e al 33’ accorciano le distanze conSowe che insacca dopo la traversa colpita di testa da Doukara. Risultato in continua evoluzione, al 36’ Contini commette fallo su Mancosu lanciato a rete, per il direttore di gara è rigore. Dal dischetto lo stesso Mancosu sigla il 3 a 1. Nel finale del primo tempo i padroni di casa si rendono pericolosi con Jidayi che di testa sfiora il secondo goal. La prima frazione termina con il pesante passivo inflitto dai siciliani alla formazione di casa.

Nella ripresa gli ospiti provano ad essere più incisivi ed accorciano le distanze al 22’ con il Sowe che, a tu per tu con Nordi, deposita in rete per il 2 a 3. Al 36′ Trapani pericoloso con Mancosu che però non riesce a trovare il varco giusto, sugli sviluppi dell’azione Ciaramitaro dalla distanza spedisce alto di poco. Un minuto dopo, al 37’, la Juve Stabia va vicina al pari con Suciu che impegna Nordi, costretto a deviare in corner. Il Trapani cerca di prendere le contromisure e ci prova da distanza ravvicinata con Mancosu che però non centra lo specchio della porta. Intanto Boscaglia manda in campo Djuric al posto di Nizzetto, ma il neo entrato si fa espellere subito per gioco pericoloso. Intanto allo scadere Diop va vicino al pari ma colpisce con la mano e viene ammonito. L’arbitro concede 5 minuti di recupero, nel corso dei quali la Juve stabia coglie un palo, perdendo l’opportunità di pareggiare.

 

Dopo una serie lunghissima di risultati utili, cade alla quindicesima giornata il Palermo di Beppe Iachini. Al “Renzo Barbera” passa l’ostico Latina di Roberto Breda che si porta a quota 23 in classifica. Brutto passo indietro dal punto di vista di prestazione e risultato per il Palermo.

 

LE FORMAZIONI UFFICIALI

PALERMO: 22 Ujkani; 6 Munoz, 5 Milanovic, 4 Andelkovic; 17 Morganella, 15 Bolzoni, 21 Bacinovic, 23 Verre, 3 Pisano; 30 Belotti, 11 Hernandez (cap.).

A disposizione: 12 Fulignati, 7 Sanseverino, 10 Di Gennaro, 13 Troianiello, 14 Stevanovic, 16 Lores, 18 Lafferty, 19 Terzi, 28 Daprelà.

Allenatore: Giuseppe Iachini.

LATINA: 1 Iacobucci; 23 Brosco, 4 Cottafava, 27 Esposito; 16 Milani (cap.), 8 Crimi, 13 Ristovski, 18 Morrone, 19 Alhassan; 31 Ghezzal, 9 Jefferson.

A disposizione: 12 Pawlowski, 3 Bruscagin, 5 Bruno, 6 Maltese, 7 Barraco, 14 Cejas, 15 Cisotti, 25 Chiricò, 32 Figliomeni.

Allenatore: Roberto Breda.

La cronaca

L’inizio dei rosanero è più che positivo. La compagine di Beppe Iachini passa in vantaggio dopo diciotto minuti di gioco. E’ Abel Hernandez con un’incornata a sfruttare in pieno uno splendido cross del giovane Valerio Verre. Nulla da fare per Iacobucci e rosanero avanti. Dura appena sette minuti la gioia dei padroni di casa. I laziali al venticinquesimo pareggiano i conti con Ghezzal che si ritrova a tu per tu con Samir Ujkani e lo supera e spiazza senza troppe difficoltà. Il Palermo capitola ben presto e nei minuti di recupero subisce il vantaggio degli ospiti con Jefferson. Al quarantasettesimo suggerimeno in profondità e nuovo errore della difesa palermitana. Di destroJefferson batte Ujkani e porta i suoi sull’1-2. Calano inspiegabilmente i rosanero nella ripresa, ma Beppe Iachini le prova tutte mandando in campo Stefanovic al posto dello svizzero Morganella al nono minuto e Lafferty al posto di Andrea Belotti al quattordicesimo. Al ventisettesimo ultimo cambio per i siciliani. Il numero dieci Di Gennaro rileva lo sloveno Armin Bacinovic. Tuttavia il canovaccio non cambierà, ma l’ex Spezia ci proverà prima con un calcio di punizione con la palla che termina alta sopra la traversa e poi con un tiro dalla distanza alla destra dell’estremo difensore latino. Dopo quattro minuti di recupero l’arbitro fischia la fine del match. Rosanero restano inchiodati a 27 punti, mentre la squadra allenata da Breda sale a 23.

SPORT VISION

Domani sera non perdete l’appuntamento con Sport Vision su Alpa Uno a partire dalle ore 21. Tanti ospiti, sorprese ed esclusive accompagneranno la serata. Parleremo dei campionati di Serie B, Serie D, Eccellenza e Promozione.

Salvo Ferrara e Celeste Caradonna  www.sicilpress24.it