Omicidio Mirarchi- Annullata festa dei carabinieri, messa a Trapani

0
678

Una messa in suffragio del maresciallo Silvio Mirarchi, in sevizio alla stazione di contrada Ciavolo di Marsala, sarà celebrata oggi alle 18 presso la cattedrale di Trapani. In questa maniera i militari dell’Arma intendono  onorare un valoroso sottoufficiale ucciso durante un’operazione antidroga. Oggi sei giugno è una data importante per i carabinieri. Ricorre, infatti, il 202 esimo anniversario della fondazione dell’Arma, sempre distintasi per gli atti di coraggio, anche con il sacrificio della vita, da parte dei suoi componenti, sia in pace che in guerra. In segno di lutto è stata annullata la festa che avrebbe dovuto svolgersi oggi a Trapani. Intanto stamane a Palermo si è svola la cerimonia per la fondazione dell’Arma. Durante il suo discorso il generale  Riccardo Galletta, comandante regionale, ha ricordato la figura di Silvio Mirarchi affermando che “se è immenso il nostro dolore per la tragica scomparsa dello straordinario collega, altrettanto implacabile sarà la nostra volontà di assicurare alla giustizia chi si sia reso responsabile della sua perdita. Il profondo lutto che ha colpito l’Arma si associa al dolore della signora Antonella, da Debora e Valerio per l’incolmabile vuoto lasciato dal loro amato congiunto la cui scomparsa si aggiunge a quella dei tanti carabinieri  caduti nell’adempimento del dovere, in pace e in guerra, in Patria e nel suolo straniero. Ammonta a 392 vittime il tributo di sangue pagato, dall’Arma in Sicilia del 1860 ad oggi”. “I carabinieri insieme alle altre forze di polizia – ha detto ancora il generale Galletta – sono impegnati ad affrontare le esigenze di una società sempre più complessa”. Nell’ultimo anno in Sicilia  carabinieri anno arrestato 13 mila e 337 persone. 75 mila e 514 denunciate a piede libero. Confiscati beni per oltre 45 milioni e mezzo. Intanto proseguono a pieno ritmo a Marsala le indagini per dare un nome e un volto agli assassini del maresciallo Mirarchi, che nonostante si sia qualificato è stato colpito da colpi di arma a fuoco. La testimonianza di affetto nei confronti di Mirarchi e familiari e la stima verso i carabinieri è stata testimoniata dalle migliaia di presenze ai funerali del sottoufficiale, celebrati sabato mattina nella chiesa Madre di Marsala.