Alcamo “circondata”, in rosso non solo Marsala ma l’intera provincia di Palermo

E’ stata firmata ieri pomeriggio dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, l’ordinanza con la quale viene istituita a Marsala la “Zona Rossa” da domani, domenica 11 aprile, e fino al prossimo 22 aprile, così come richiesto dall’ASP trapanese e della giunta municipale lilybetana. Festività pasquali e comportamenti poco attenti da parte di cittadini, come ha anche detto il primo cittadino Massimo Grillo, hanno inciso notevolmente sulla drastica crescita dei contagi. Marsala, con i suoi oltre 300 contagiati, da alcuni giorni è tornata ad essere di gran lunga la prima città in provincia come numero di persone attualmente positive.

Ma non solo Marsala, da domani anche tutta la città metropolitana di Palermo, ovvero la provincia palermitana, passerà da arancione a rosso. In questo territorio sono diversi i comuni che confinano con Alcamo (Balestrate, Partinico, Camporeale, Monreale) e quelli vicinissimi come Trappeto, Borgetto e Montelepre. Considerata la repentina evoluzione dei contagi e la diffusione delle varianti del Covid, molto presente quella inglese, in tutta la provincia di Palermo è stato necessario dichiarare la zona rossa.

I comuni del palermitano che hanno superato l’incremento proporzionale in 7 giorni, pari o superiore a 250 contagi per 100 mila abitanti, e che quindi sono divenuti zona rossa, ammontavano a ben 18. Da qui la decisione del presidente Musumeci di espandere la colorazione rossa per tutta la provincia. Seppur il termine del ‘rosso’ a Palermo fosse fissato al prossimo 14 aprile, adesso anche per il capoluogo siciliano, nella speranza che i contagi non aumentino ancora nel frattempo, il provvedimento restrittivo è stato invece esteso fino al 22 aprile.