“Metti a fuoco la corruzione”, ultimi giorni

0
353

Ultimi giorni utili per partecipare al concorso fotografico “Metti a fuoco la corruzione”, indetto dal dipartimento della Funzione Pubblica nell’ambito della campagna “Svegliati”, a cui ha aderito l’Assessorato alla Cultura del Comune di Alcamo. Il termine per la presentazione delle foto per la mostra fotografica in occasione della giornata mondiale contro la corruzione è stato prorogato al 3 dicembre.

Poche e semplici regole per partecipare. Il concorso è aperto a tutti i fotografi non professionisti e a gruppi di scuole medie inferiori e superiori. La partecipazione è totalmente gratuita. Le foto devono essere originali, realizzate con qualsiasi supporto digitale, vanno corredate da una breve descrizione del soggetto (massimo una riga) e inviate tramite e-mail: assessoratocultura@comune.alcamo.tp.it. I vincitori saranno annunciati nel corso dell’evento del 9 dicembre  presso il DFP

Ogni foto deve essere accompagnata da nome, cognome, indirizzo e-mail, telefono del partecipante ed eventualmente – se foto di gruppo – deve essere indicata la scuola.

I partecipanti acconsentono che le foto vengano pubblicate sulle piattaforme online del Dipartimento della funzione pubblica, di Transparency International Italia della Legality Band Projet e di Junior Achievement, sulla base del loro impatto,della potenza del messaggio, e dall’interpretazione.

Vi saranno due categorie di premi: i premi individuali ed uno collettivo.

I premi individuali prevedono la selezione di dieci vincitori le cui foto saranno esposte presso Palazzo Vidoni a Roma. I primi tre classificati saranno invitati a partecipare alla conferenza per la celebrazione della giornata mondiale contro la corruzione il 9 dicembre. Il premio collettivo sarà invece assegnato alla “Scuola piu’ sveglia d’italia”: quella, cioè, che avrà registrato il maggior numero di partecipazioni al concorso. Una sua rappresentanza verrà invitata a partecipare alla conferenza per la celebrazione della giornata mondiale contro la corruzione il 9 dicembre.