Mazara, sbarco di 42 immigrati

    0
    427

    Altro tentativo di sbarco di immigrati sulle nostre coste, stamane, intercettato dalla Guardia di Finanza.

    Il motopesca Mohamed Hazem, di circa 17 metri, iscritto al compartimento marittimo di Monastir, in Tunisia, è’ stato fermato e condotto nel porto di Mazara del Vallo alle 4:30 di oggi, dopo che le apparecchiature in dotazione presso la Capitaneria di porto, avevano individuato un bersaglio radar sospetto.

    Il natante, con a bordo 42 migranti, di probabile nazionalità tunisina e libica, è stato abbordato in acque territoriali da una unità navale della Guardia di Finanza, che già durante le fasi di abbordaggio, complice la tecnologia, ha individuato i tre membri dell’equipaggio che sono stati tratti in arresto.

    Determinante il supporto delle Associazioni di volontariato Angeli per la Vita di Castelvetrano, con una ambulanza di soccorso avanzato e l’equipaggio, oltre ai Vigili del Fuoco in congedo di Mazara del Vallo ed altri volontari, che sono intervenuti a sostegno del 118 e delle autorità intervenute.

    I migranti sono stati trasportati con i mezzi del Centro Operativo Comunale di protezione Civile presso l’oramai nota struttura di Santagostino, dove sono stati visitati da un medico e rifocillati.

    Ma mentre tutti gli addetti ai lavori si occupavano dell’accoglienza, quattro uomini hanno tentato la fuga, subito bloccata dalle forze dell’ordine presenti, anche se uno di essi era riuscito a raggiungere la stazione ferroviaria di Mazara del Vallo.

    Nelle ore successive all’arrivo in porto degli immigrati, è proseguita l’attività della Guardia Costiera di Mazara del Vallo per intercettare eventuali naufraghi, ma l’esito delle ricerche è stato negativo.