Matteo Messina Denaro ora è indagato per Capaci

    0
    387

    La Procura di Caltanissetta ha deciso di indagare “per la strage di Capaci” il numero uno di Cosa nostra, tuttora latitante, Matteo Messina Denaro. E’ quanto ha affermato, nel corso di un’audizione in commissione Antimafia il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso. Grasso ha affermato anche che secondo la Procura di Caltanissetta la “cosiddetta trattativa” tra Stato e mafia “ha avuto l’effetto di accelerare la strage di via D’Amelio”. Secondo Grasso Caltanissetta colloca l’inizio della trattativa “nel primo contatto tra l’allora capitano Giuseppe De Donno e Massimo Ciancimino, ovvero ai primi di giugno ’92, poi proseguiti nei vari incontri tra De Donno, Mori e Vito Ciancimino”. Grasso sottolinea anche che la Procura di Palermo colloca invece l’inizio della cosiddetta trattativa all’omicidio di Salvo Lima, il 12 marzo del ’92.