L’incubo non è scongiurato tra Alcamo e Castellammare del Golfo

0
426

Interminabili file per scaricare i rifiuti a Trapani. Non è ancora alle spalle l’emergenza ad Alcamo e Castellammare del Golfo esplosa dall’inizio di questa settimana. Ieri si è riuscito a recuperare ad Alcamo il turno pomeridiano della raccolta della plastica che era saltato mercoledì, mentre non si è riusciti a raccogliere il turno dell’indifferenziato programmato ieri mattina. Questo perché è stata contemporaneamente potenziata la raccolta invece ad Alcamo marina dove è stato recuperato l’indifferenziato, anche per evitare che la situazione già difficile con cataste di immondizia sparse ovunque degenerasse. Situazione diversa a Castellammare del Golfo dove invece nel centro urbano la raccolta ha continuato ad essere effettuata con regolarità, a scapito delle zone più periferiche, per effetto di un’ordinanza del sindaco con la quale sono stati potenziati i mezzi di raccolta e utilizzato come centro temporaneo di stoccaggio un’area periferica del paese marinaro. Nella giornata di ieri gli autocompattatori sono rimasti in fila per ben 18 ore prima di potere scaricare nel sito di Borranea che finalmente ha riaperto i battenti dopo che per tre giorni era rimasto chiuso in attesa della nuova ordinanza autorizzativa della Regione. “Se la situazione non si aggraverà – afferma il funzionario del Settore Ambiente del Comune di Alcamo, Elena Ciacio – non salteranno altri turni di raccolta nonostante ancora ci siano grosse difficoltà a smaltire per via della lentezza delle operazioni alla discarica di Trapani. Se chiaramente questi tempi dovessero ulteriormente dilatarsi allora tornerebbe l’incubo dell’emergenza rifiuti”. Da parte dell’Aimeri, la società che raccoglie i rifiuti ad Alcamo, è stato potenziato il numero di mezzi messi a disposizione per sopperire a questo momento di difficoltà. Ancora questa mattina si continuava a conferire a Borranea con lentezza anche se almeno in minima parte le code dei compattatori si stanno decongestionando. Ci vorrà tutto il fine settimana almeno prima di potere sperare di tornare a regime ed è proprio per questo che l’incubo dell’emergenza rifiuti non si può ancora considerare del tutto scongiurato. Il sindaco di Castellammare del Golfo, Nicola Coppola, ha polemizzato con il governo regionale alle prese con continui problemi gestionali in tema di rifiuti: “Faccia in fretta a trovare le necessarie soluzioni – sostiene – perché è chiaro che in tutta questa vicenda a risentirne sono soltanto i cittadini che pagano tasse sempre più salate e fronte invece di un servizio che non ha il dovuto ritorno”.