Ipab Regina Elena, una bomba a orologeria

Dopo l’istituzione di un tavolo tecnico permanente allo scopo di trovare una soluzione per i dipendenti dell’Opera Pia Regina Elena, per la quale la Regione ha avviato l’iter di estinzione, il sindaco Nicolò Coppolafa presente che «l’impegno dell’amministrazione e quello del consiglio comunale, ci auguriamo possa servire almeno a dare una speranza ai lavoratori dell’Ipab che non possono più rimanere nel dimenticatoio.Ringrazio il Prefetto di Trapani –afferma il sindaco- che in queste delicate fasi  di lavoro alla ricerca di una soluzione, ci è particolarmente vicino, condividendo la preoccupazione per la prospettiva occupazionale dei lavoratori, ma anche per la pregressa situazione finanziaria dell’Ipab».   Il sindaco Coppola ha istituito il tavolo tecnico ribadendo la disponibilità nei confronti dei 12 lavoratori dell’Ipab e sottolineando che «il Comune è impossibilitato a farsi carico del personale, dei beni ed anche dei debiti dell’Opera Pia. Il tavolo tecnico sarà permanente finché non si troverà una soluzione».

“Esprimiamo apprezzamento per la sensibilità dimostrata dal sindaco di Castellammare del Golfo, Nicolò Coppola,che ha avviato le iniziative e gli strumenti opportuni per risolvere la delicata vertenza relativa all’Ipab Regina Elena, i cui lavoratori non percepiscono lo stipendio da ben 60 mesi – hanno affermato Liboria Vivona, rappresentante sindacale aziendale della Fp Cgil Trapani dell’Ipab Regina Elena, Marco Corrao, componente della segreteria della Cisl Fp di Palermo e Trapani e Giorgio Macaddino, segretario generale della Uil Fpl di Trapani-. Il sindaco Coppola ha istituito un tavolo tecnico tra Comune, organizzazioni sindacali e il commissario dell’istituto in questione Francesca De Luca ed ha attivato le procedure per organizzare un vertice all’assessorato regionale alla Famiglia. Siamo soddisfatti – continuano i sindacalisti – della convergenza e soprattutto per il grande senso di responsabilità che il capo dell’amministrazione sta dimostrando. Al contrario di suoi omologhi e di suoi predecessori, Coppola  ha messo in atto, in sinergia con le organizzazioni sindacali, tutte quelle iniziative finalizzate ad una possibile risoluzione di una questione,  che ormai da fin troppo tempo vede nel limbo dell’incertezza tutti i lavoratori dell’ente. Non possiamo più tollerare inerzia, superficialità e indifferenza da parte della Regione siciliana, che ad oggi continua a rispondere in modo incoerente rispetto alle richieste che il tavolo ha avanzato più volte. I vertici dell’assessorato regionale alla Famiglia – concludono i tre rappresentanti sindacali –  ci convochino prima possibile, per mettere fine a quella che è diventata una gigantesca vergogna ed una bomba ad orologeria in termini di emergenza sociale”.

 

and if you’re reading that thinking
woolrich arctic parka How To Put On a Girdle

especially in an american context
burberry saleHow to Measure Shoe Width Size