Inglese ma adorava la Sicilia, a Menfi è morto John Peter Sloan. Un innovatore in tantissimi settori

È morto all’improvviso a 51 anni John Peter Sloan. Cantante, attore e comico, famoso in Italia per il suo ruolo di insegnante di inglese in tv e per la sua partecipazione a Zelig, trasmissione in cui i suoi interventi sono diventati cult. È morto a Menfi, cittadina a cavallo fra le province di Trapani e Agrigento, dove dal 2016 si era trasferito per amore e dove aveva fondato un scuola per l’apprendimento dell’inglese rivolta a bambini, adulti e docenti.

“Era una persona difficile e discutibile fra le più intelligenti che abbia mai conosciuto ha scritto su facebook un suo amico – ma soprattutto un grande amico che adesso mi manca molto”. Sloan aveva inventato un particolare e simpatico metodo per apprendere la lingua inglese in poche e allegre lezioni. Di padre irlandese e madre inglese, all’età di 16 anni Sloan lascia l’Inghilterra e viaggia per l’Europa come cantante e chitarrista. Nel 1990 approda in Italia e, prima di diventare autore e attore comico, fonda un gruppo rock, i The Max, dei quali è il frontman. Poi l’esperienza a Zelig, nei primi anni 2000, per alcuni spettacoli educativi in lingua inglese. Successivamente scrive diversi spettacoli teatrali che lo vedono protagonista e regista, rivolti a studenti, stranieri che vivono in Italia o amanti della lingua inglese.

Prima di trasferirsi a Menfi per amore, Sloan è stato anche opinionista fisso nel contenitore pomeridiano di Cristina Parodi, “Cristina Parodi Live” su LA7 e ospite a “Le invasioni barbariche” con Daria Bignardi.  Nel 2013 è stato spesso ospite a Mattino Cinque con Federica Panicucci, opinionista comico a La vita in diretta condotto da Paola Perego. Da settembre 2014 ha ideato e teneva la rubrica Du Iù Spik Inglish? in onda ogni mercoledì su Rai 2 nel programma  I fatti vostri.

John Peter Sloan amava tantissimo la Sicilia e soprattutto la zona occidentale dell’isola. Un paio di giorni fa aveva postato alcune fotografie sullo splendido mare siciliane e su altre bellezze della nostra magnifica regione. E’ arrivato da Birmingham ma probabilmente conosceva e adorava la Sicilia più degli stessi siciliani. Una grande intelligenza purtroppo andatasene troppo precocemente.