Guado provvisorio, firmato incarico per San Bartolomeo. Arrivo ‘scatolari’ in tre settimane

Sarà l’impresa alcamese ‘Lavori e Costruzioni’, la stessa che circa un mese fa aveva completato la demolizione del ponte crollato sul San Bartolomeo, a realizzare l’attraversamento provvisorio del fiume. Proprio ieri l’ANAS ha firmato l’applicativo con l’azienda, che detiene un più ampio accordo-quadro a livello regionale, e sempre ieri è stata effettuata la consegna dei lavori. Il Genio Civile di Trapani deve soltanto apporre l’ultimo visto e il cantiere sarà pienamente funzionante. Ruspe, altri mezzi, tecnici e operai dell’impresa appaltatrice sono già sul posto per risistemare il cantiere e predisporre quanto necessario ad accogliere gli scatolari, i grossi blocchi di cemento e acciaio che dovranno essere posizionati l’uno dietro l’altro per realizzare il guado provvisorio.

Si tratta di cento ‘scatolari’, già ordinati dall’ANAS, che cominceranno ad arrivare dalla prossima settimana. Il centinaio di blocchi sarà inviato in tre tronconi. Un terzo a settimana. La ditta produttrice, un’azienda del Veneto, ha dato rassicurazioni sui tempi di consegna. Inghippi e sorprese a parte, l’ultimo carico dovrebbe pervenire in cantiere nella settimana che va dal sei all’undici giugno. Il montaggio verrà fatto via via per accelerare i tempi. Quando tutti i cento scatolari saranno stati posizionati, bisognerà espandere un piccolo tappetino di calcestruzzo, quello necessario a ricevere poi la posa dell’asfalto.

Una vera e propria corsa contro il tempo ma tutti gli attori sembrano intenzionati a riattivare il collegamento stradale fra Alcamo Marina e Castellammare del Golfo entro la fine del mese di giugno. L’Anas ha effettuato una serie infinita di sopralluoghi, il Genio Civile ha operato in tempi celeri, il sindaco castellammarese Nicola Rizzo ha spinto notevolmente come amministratore ed ha espletato anche le mansioni di una sorta di consulente in quanto ingegnere, il governo regionale ha dato il suo sostegno seppur talvolta le dichiarazioni ufficiali sono state interpretabili con vari significati.

In ambito politico una spallata decisiva l’avrà data certamente una scadenza elettorale, quella delle regionali del prossimo autunno e che vede impegnato in prima persona l’assessore Mimmo Turano. Bisognerà però vedere se le cose galopperanno alla stessa velocità, dopo l’esito delle urne, anche per la progettazione, il finanziamento e la realizzazione del nuovo ponte definitivo.