Giuseppe Scibilia Presidente del Consiglio Comunale di Alcamo

    0
    347

    di Antonio Pignatiello

     

     

    E’ Giuseppe Scibilia,del PD, il Presidente del Consiglio Comunale di Alcamo. Vito Savio d’Angelo è il Vice Presidente. Costuititi i gruppi consiliari. Alla fine la maggioranza ha preso Presidenza e Vicepresidenza come a chiudere qualsiasi dialogo con l’opposizione. “Sarò il Presidente di tutti e applicherò il regolamento comunale senza bisogno di modifiche”- ha detto.

    Peraltro D’Angelo ha avuto ben 22 voti, cioè 2 in più della maggioranza che ne ha almeno fino ad ora sulla carta 20 e gli altri 8 voti sono andati a Benedetto Vesco. Scibilia è stato eletto con 21 voti con Vito Lombardo che ha avuto 6 voti, Gina Caldarella 2e Pasquale Raneri 1 voto.

     

    Soddisfazione da parte di Bonventre che si è dichiarato sobrio e cauto sulla nuova amministrazione che ufficialmente ha preso il via proprio ieri.

    ABC invece ha lamentato una caduta di stile per il discorso degli eletti che era in pratica già scritto prima delle elezioni ma in politica si va ad elezioni per le cariche quando nelle segreterie i giochi sono stati fatti e decisi e i consessi comunale diventano solo una formalità, si sa.

    Presente tutta la giunta al completo, con Fundarò, Perricone, Abbinanti, Settipani, Mirrione e Palmeri. Pronte le novità in giunta dei nuovi assessori con Ottilia Mirrione che si concentrerà per il momento sullo Sportello Unico per le Imprese sempre annunciato nelle precedenti amministrazioni e mai realizzato, Ylenia Settipani ha sottolineato come si tratti il suo del primo assessorato in Italia per audiolesi e si concentrerà sulla ricezione dei finanziamenti dall’Europa corrisposti ma ritornati indietro per l’incapacità amministrativa di spenderli mentre Elisa Palmeri sta organizzando la Festa della Patrona.

     

    Ora Bonventre e il Consiglio Comunale avranno molto da fare. Ci sarà da lavorare molto, le elezioni hanno spaccato la città a metà con una parte al centro sinistra e per 39 voti l’altra parte contro il centro sinistra di Giacomo Scala e Nino Papania e questo significa solo che almeno la metà della cittadinanza di Alcamo è rimasta scontenta delle precedenti amministrazioni.