Giro di Sicilia. Ad Alcamo si ricorda di Salvatore Lo Bue

0
194

E’ stato il momento più toccante del passaggio ad Alcamo delle auto storiche, che hanno transitato sotto la pioggia  per il corso VI Aprile, per raggiungere poi Partinico, Borgetto e Palermo dove in piazza Verdi è stata abbassata la bandiera a scacchi. Tra i sei equipaggi alcamesi compreso quello di Lo Bue-Lo Bue al volante di un’Alfa Romeo Gt ai quali in piazza Ciullo è stata consegnata la targa dedicata a Salvatore, Totuccio, organizzatore di tante manifestazioni di auto d’epoca e presente al Giro di Sicilia. Sono stati 190 i partecipanti alla manifestazione che rievoca la corsa voluta dai Florio nel 1912 e che nasce in connubio con la mitica Targa. Il Veteran car club Panormus, che da tempo ne cura l’organizzazione  quest’anno celebra cinquant’anni di attività, Si è trattato le novità della 33esima edizione, Auto storiche provenienti da tutta Europa, soprattutto da Francia, Inghilterra, Germania, Belgio, dall’America, dall’Argentina e dal Giappone. Anche quest’anno il Giro di Sicilia è patrocinato dal Comune di Palermo. La corsa siciliana ha tutti i titoli per essere considerata una delle pagine più gloriose ed entusiasmanti dello sport automobilistico italiano e internazionale e la sua rievocazione merita altrettanta considerazione per il suo valore culturale. Ieri l’ultima tappa: partenza da Partanna, poi Alcamo, Partinico, Borgetto. Infine a Palermo  in piazza Verdi per la premiazione “La Sicilia dei Florio”.