Falcone nel trapanese per i porti. A Marsala niente più Myr, a Castellammare ripartirà 1° stralcio

L’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, ieri in visita nel trapanese, ha dato il via a Marsala ai lavori di completamento della barriera curvilinea del porto cittadino, una struttura portuale che sta vivendo un periodo di grande degrado. La Regione ha investito quasi 900.000 euro in quest’opera che rappresenta, dopo anni d’attesa, un segnale importante per il rilancio della strategica infrastruttura portuale del Trapanese. Falcone ha preso parte a un tavolo tecnico in Comune alla presenza dell’assessore regionale Toto Cordaro, dei deputati Ars Stefano Pellegrino ed Eleonora La Curto, del sindaco Alberto Di Girolamo e del presidente del consiglio Enzo Sturiano.

Il vertice è anche servito per fare il punto sull’avveniristico progetto del porticciolo privato della Myr, dichiarato decaduto dalla Regione poiché la stessa società non ha ottemperato, nei tempi previsti, all’inizio dei lavori. “Riguardo la realizzazione della Marina di Marsala e il blocco del progetto privato della Myr- ha affermato l’assessore – siamo venuti qui per dare la disponibilità del Governo Musumeci a finanziare, anche integralmente, tale opera di grande valenza economico-turistica, ma occorre prima che dal Comune di Marsala arrivi una scelta precisa sugli interventi da attuare e i relativi elaborati progettuali”.

Dopo Marsala l’assessore regionale Marco Falcone si è spostato a seguire l’assessore Falcone si è recato a Castellammare del Golfo per un sopralluogo al porto dove sono ripartiti a pieno regime i lavori di completamento del secondo stralcio, un’opera da troppi anni incompiuta. L’esponente del governo Musumeci ha dato certezze anche sulla ripresa del primo stralcio, quello che a suo tempo venne bloccato, con tanto di sequestro, per la famosa inchiesta giudiziaria che si occupò anche dell’uso di cemento depotenziato. “Torniamo in visita  – ha dichiarato Falcone –  dando nuova prova di vicinanza a questo territorio. Il governo Musumeci ha riavviato il cantiere da oltre otto milioni che restituirà dignità all’infrastruttura, mentre a luglio manderemo in gara i lavori del primo stralcio. Il completamento del porto di Castellammare – ha concluso Falcone – dovrà essere emblematico della svolta che abbiamo impresso alla strategia portuale della Sicilia”.

Al sopralluogo effettuato al porto da Falcone e da alcuni funzionari ha preso anche parte il sindaco Nicola Rizzo che ha esternato soddisfazione per l’impegno assunto dalla Regione di mandare in appalto il primo stralcio entro agosto. “Un risultato – ha detto il primo cittadino – che rappr4esenta anche un riconoscimento al nostro costante intervento, quasi un pressing costante, per spingere la Regione a completare questa grande e importantissima infrastruttura”.