Elezioni, “Centrali” resta al palo. TAR conferma esclusione, 24 candidati ‘a spasso’

Il TAR di Palermo ha dato pienamente ragione alla seconda sottocommissione della C.E.Cir. (commissione elettorale circondariale) che aveva escluso la lista “CentrAli per la Sicilia – Sicilia Futura-IV” dalle elezioni per il consiglio comunale di Alcamo. Rimane quindi fuori dai giochi, almeno come competizione per accedere al parlamentino cittadino, il gruppo politico che fa riferimento a Giacomo Scala e che si era presentato a sostegno di Giusy Bosco.

Anche il TAR ha rilevato un’errata e insanabile valutazione. La presenza tra i simboli dell’ARS di “Sicilia Futura – IV” non autorizzava ad aggiungere la scritta “CentrAli” nel contrassegno senza l’ausilio della sottoscrizione. Di questi tempi, a causa del Covid, ridotta a sole 131 firme. Una disattenzione che mette fuori dai gioco 24 candidati al consiglio comunale, alcuni dei quali “cavalli da corsa”.

I ricorrenti, inoltre, sono stati condannati dal TAR al pagamento di 1.500 euro come spese di giudizio e di altri eventuali oneri. La sentenza di questa mattina è stata sottoscritta dal presidente del tribunale Calogero Ferlisi e dal giudice estensore Luca Girardi.