Delegazione in visita, dall’Arabia Saudita, ad Alcamo e a Castellammare

0
396

 

Una delegazione araba, composta da tre sindaci, un direttore generale della Provincia di Al Baha, un vice prefetto, un capo di Gabinetto e un vice ministro con delega al Turismo e Beni Culturali, sarà in visita istituzionale dal 24 al 28 aprile ad Alcamo, Castellammare del Golfo ed altre città del trapanese. Lo scopo è quello di promuovere il territorio nei Paesi arabi. Ad Alcamo gli ospiti arabi avranno modo di visitare il castello dei Conti di Modica; e il complesso monumentale del Collegio dei Gesuiti: Qui potranno prendere visione dei lavori di restauro e recupero architettonico realizzati ed apprezzare il lavoro delle maestranze locali che lavorano il travertino e non solo. Prenderanno anche parte a delle degustazioni di prodotti tipici e visiteranno alcuni agriturismi del territorio, per ottenere un piccolo assaggio dell’enogastronomia della zona e nell’ottica di un’eventuale instaurazione di rapporti di scambio commerciale con i produttori agricoli locali. A Castellammare del Golfo, dove stazionerà, il gruppo visiterà il centro storico, il castello arabo-normanno, il borgo di Scopello e la restaurata Torre Bennistra. «Un’occasione di confronto e la nostra ospitalità può rappresentare una occasione ideale per la promozione del nostro territorio nei paesi arabi. Si tratta di possibili futuri investitori-affermano il sindaco di Castellammare Nicolò Coppola e l’assessore alla Cultura Marilena Barbara-. I rappresentati delle istituzioni che ci raggiungeranno dall’Arabia Saudita visiteranno il nostro patrimonio storico architettonico e degusteranno prodotti tipici al fine di avviare scambi economico turistici con i paesi arabi, molto interessati alle nostre peculiarità ed alle nostre produzioni». Ma visiteranno anche Calatafimi e il tempio di Segesta. La delegazione di amministratori arabi lascerà Castellammare del Golfo il 28 aprile per visitare Custonaci ed Erice. Programmato anche un incontro alla Camera di Commercio di Trapani, alla presenza, tra gli altri, degli operatori di Confindustria nel settore del marmo.