C/vetrano-Quattro container di beni per i bisognosi

0
337

 

DSC_0097Quattro i container, pieni di beni che daranno sollievo a migliaia di persone, che sono stati donati dall’associazione umanitaria internazionale GAiN all’Elim “Oasi della Grazia”, realizzato dall’associazione regionale Oes, Opera Evangelica Sicilia, che ed è ospitata all’interno di alcuni locali dell’ex mattatoio comunale di Castelvetrano, concessi in comodato d’uso dall’amministrazione comunale. La GAiN (Global Aid Network) è un organizzazione umanitaria internazionale, che ha sede in Germania, e che ha messo in rete altre organizzazioni umanitarie, nonché privati cittadini, che operano per raccogliere generi di prima necessità, cibo, vestiario, supporti ortopedici e tanto altro, che sono poi messi a disposizione per calamità naturali o per progetti di assistenza in tutto il mondo. Oltre alla sede tedesca, GAiN ha sedi in Australia, Austria, Canada, Germania, Olanda, Spagna, Sud Corea e Stati Uniti d’America. I volontari dell’Oes, in questi mesi, hanno lavorato per rimettere in sesto il sito, che era abbandonato da molti anni, e lo hanno trasformato in una struttura che è diventata un prezioso punto di riferimento per centinaia di famiglie bisognose che arrivano da ogni parte della provincia. L’Oes ha avviato anche una collaborazione con la locale sezione della Croce Rossa Italiana. «Voglio ringraziare Tommaso Pipitone e l’Opera Evangelica Sicilia per il costante servizio di grande umanità che ha messo in atto con l’allestimento di questa vera e propria oasi al servizio dei poveri – ha affermato il sindaco Felice Errante, presente all’arrivo dei container insieme all’assessore alla polizia municipale, Paolo Calcara». L’associazione sarebbe, infatti, ormai diventata una vera e propria ancora di salvezza per centinaia di famiglie che attraversano un periodo di difficoltà. Tra i molti volontari arrivati dalla Germania ingegneri, imprenditori ed anche due coniugi, entrambi medici, che si fermeranno per due anni in città per fornire assistenza e supporto all’associazione.