Custonaci: omicidio Jennifer, risolto il rompicapo

0
303

Individuato il presunto assassino di Jennifer, la prostituta nigeriana di trentotto uccisa l’anno scorso alla vigilia di Natale a Custonaci. Si tratta di Alessandro Bulgarella, 37 anni, lavapiatti di Valderice. E’ stato arrestato dai carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Trapani. Il provvedimento è stato disposto dal giudice per le indagini preliminari su richiesta della Procura della Repubblica. A lui si è risaliti attraverso delle indagini molto accurate che si sono concentrate sin dalle prime ore del fatto sui clienti abituali della donna nigeriana il cui nome di battesimo era Bose Uwadia anche se tutti la chiamavano per l’appunto Jennifer. Centinaia le persone che sono state convocate in caserma per essere interrogate. Si è arrivati a incastrare Bulgarella perché è stato lui stesso a tradirsi. Anzitutto i sospetti si sono concentrati su di lui nelle primissime battute in quanto ha negato durante l’interrogatorio in caserma di conoscere la prostituta assassinata. Gli inquirenti però, attraverso i tabulati telefonici, si erano resi invece conto che il lavapiatti contattava regolarmente Jennifer. Da qui sono anche partiti appostamenti e pedinamenti. Un’indagine articolata e complessa, hanno sottolineato il procuratore Marcello Viola ed il sostituto procuratore Franco Belvisi nel corso della conferenza stampa convocata questa mattina. La svolta nelle indagini la si è avuta proprio perché il sospettato si è tradito. Secondo gli inquirenti Bulgarella conosceva particolari inediti mai pubblicati dai giornali. Sin dal primo momento, quando è stato convocato in caserma per essere sentito nella qualità di persona informata sui fatti, ha manifestato grande preoccupazione. “L’indagato – scrivono gli investigatori – ha intuito che la convocazione era da ricollegare all’omicidio della donna nigeriana ed, inconsapevolmente, ha rivelato ai suoi amici particolari conosciuti solo da chi era stato presente sul luogo dell’efferato reato”. Le indagini hanno permesso di accertare che il Bulgarella fosse a conoscenza dell’identità della vittima ancora prima che fosse identificata dai carabinieri. Il movente dell’omicidio è quello della rapina. L’uomo avrebbe fatto fuori la donna per rapinarla. Alla fine però trovò soltanto 50 euro, come ha rivelato ad alcuni amici. Ma chi era Jennifer? Praticamente faceva una doppia vita. Parrucchiera di giorno e prostituta di notte. Viveva stabilmente a Palermo insieme con il suo compagno ed era madre di due gemelli di quattro anni. Di giorno svolgeva l’attività di parrucchiera mentre la sera raggiungeva in pullman Trapani per prostituirsi nei pressi della stazione ferroviaria. La mattina del 24 dicembre dello scorso anno è stata trovata morta nella parte retrostante di un chiosco di fiori, a pochi metri dall’ingresso del cimitero di Custonaci.