Castellammare: “patto di alleanza” fra oltre 200 sindaci del mondo

Undici città italiane fra cui Firenze, Cosenza, Cividale del Friuli, Sestri Levante, Bassano del Grappa, fanno rete per valorizzare le peculiarità dei loro territori in Italia, ma anche in Cina, dopo l’accordo sottoscritto con il Governatore della regione cinese dell’Henan, abitata da oltre 105 milioni di persone. Un accordo che riguarda i rappresentanti di tutti i continenti presenti in Cina: oltre a esponenti di paesi asiatici, anche numerosi rappresentanti d’Europa, America, Sudafrica, Oceania, per un totale complessivo di oltre 200 sindaci. Di rientro dall’International Mayor’s Forum on Tourism, forum internazionale sul turismo in Cina, il sindaco Nicolò Coppola porta a casa un importante accordo che permette a Castellammare del Golfo, con altre 11 città italiane, e varie città del mondo, di mettere in campo progetti di promozione turistica rivolti ad un pubblico nazionale e soprattutto mondiale. Castellammare, rappresentata proprio dal sindaco Nicolò Coppola, è stata l’unica città siciliana a partecipare, al meeting sul turismo a cui hanno preso parte, dal 15 al 17 novembre, sindaci di tutte le nazioni del mondo. «È stato un momento davvero importante per Castellammare del Golfo – afferma il sindaco Nicolò Coppola- strategicamente significativo il fatto che alla convention fossero presenti sindaci provenienti da ogni parte del mondo con i quali ho avuto la possibilità di confrontarmi e condividere percorsi comuni, alla presenza di autorevoli rappresentanti del mondo istituzionale ed economico cinese. Abbiamo scambiato esperienze ed informazioni, facendo rete e proponendoci ai tour operators cinesi, che guardano davvero con interesse le proposte di natura paesaggistica, storica e culturale che offre la nostra cittadina che fin’ora, però, è rimasta fuori dai loro tradizionali percorsi turistici». Castellammare è stata invitata a partecipare (dunque senza oneri per il Comune) dall’ufficio nazionale del turismo cinese a questa quarta edizione dell’ evento biennale al fine di condividere strategie di crescita turistica. «Abbiamo avviato un percorso concreto per attrarre i visitatori orientali e contemporaneamente abbiamo avuto la possibilità di creare una rete, un accordo per mettere in comune le attività di 11 città italiane, per rafforzarne la competitività turistica -afferma, soddisfatto, il sindaco Nicolò Coppola-. Un sistema per accrescere l’appeal del nostro territorio, un modello di governance che intende promuovere località meno note al turismo italiano e internazionale, con l’obiettivo di aumentarne la promozione e la riconoscibilitàIn sintesi abbiamo fatto sistema, scambiato e creato. Ringrazio ancora l’ufficio nazionale del turismo cinese per averci offerto questa preziosa ospitalità e opportunità che sono certo darà buoni frutti perché già dal rientro gli scambi sono intensi».forum5 (2) forum turismo