Congedo mestruale al Fardella – Ximenes di Trapani. Il Dirigente: “scelta di civiltà”

0
83

Una scelta di civiltà che da Ravenna ha raggiunto anche Trapani: il liceo Fardella – Ximenes è il primo istituto superiore della provincia trapanese presso il quale verrà messo in atto il c.d. “congedo mestruale”. La proposta, avanzata da due giovani trapanesi, Sara Martinico, rappresentate d’istituto e Jacopo Triscati, presidente della Consulta provinciale, ha trovato piena disponibilità da parte del dirigente scolastico, Filippo De Vincenzi. L’iniziativa, sulla scia di quella proposta, per la prima volta in Italia, lo scorso dicembre dal liceo classico di Ravenna, sarebbe partita dall’esigenza di dare alle studentesse, che soffrono di patologie legate al ciclo mestruale (tra le principali, la dismenorrea, l’endometriosi e la vulvodinia), la possibilità di assentarsi dalle lezioni scolastiche, per un totale di due giorni al mese, con conseguente scomputo delle assenze.

Alla proposta dei rappresentanti del Fardella – Ximenes di Trapani non è ancora seguita una delibera, fermo restando l’esistenza, già da tempo, del riconoscimento dello scomputo delle assenze in presenza di una certificazione specialistica che giustifichi la mancanza da scuola a causa di questo tipo di patologie. A questa previsione generale, sarà adesso affiancata il caso specifico rappresentato, per l’appunto, da tutti questi disturbi, ancora poco conosciuti perché, per troppo tempo, coperti dal “taboo” dell’imbarazzo culturale e di cui le donne, sono prime destinatarie. “Ho subito dato il mio parere favorevole alla richiesta dei miei studenti – ha dichiarato il dirigente De Vincenzi – perché lo ritengo un gesto di civiltà. Ovviamente all’assenza richiesta dalla studentessa interessata, seguirà la presentazione di un certificato da parte di uno specialista che ne attesti la patologia. Non c’è ancora una delibera, ma oggi stesso ci riuniremo a scuola per discutere sull’emanazione di apposite circolari. Ascolteremo anche il parere di medici per capire meglio che tipo di certificazione richiedere”.