Condanna, ai fini civili, per il giornalista Rino Giacalone. Avrebbe diffamato Gaspare Allegra

Il giornalista trapanese Rino Giacalone è stato condannato in appello, ai soli fini civili, al pagamento di 5mila euro, più le spese, per diffamazione nei confronti del castelvetranese Gaspare Allegra, oggi defunto. Il giornalista, infatti, nel 2013 aveva raccontato in un articolo dei funerali di Paolo Forte, stretto amico e figlioccio di Matteo Messina Denaro che lo aveva cresimato, facendo menzione della presenza di  Gaspare Allegra, che al tempo dei fatti non era indagato,  indicandolo come “rappresentante della famiglia di Castelvetrano”.