C/mmare del Golfo: concessioni demaniali al porto, ancora guerra

CASTELLAMMARE DEL GOLFO – Il Comune di Castellammare del Golfo prova in tutti i modi a bloccare le concessioni demaniali. Dopo il tentativo di concertazione fallito con il Demanio ora la giunta guidata dal sindaco Nicolò Coppola sta procedendo ad immettere il vincolo di tutela nella zona antistante il porto. L’amministrazione comunale passa così alla seconda fase del lungo braccio di ferro sulla vicenda: in questo modo, in caso di apposizione del vincolo, si verrebbero a bloccare le concessioni demaniali, così come auspicato dal Comune e non solo. La giunta ha deliberato quindi di attivare le procedure interessando della questione la Sovrintendenza ai Beni culturali che si era espressa pure per il blocco delle concessioni a tutela dell’area portuale. In particolare l’amministrazione castellammarese fa leva sul fatto che la normativa in materia dispone che la soprintendenza può avviare il procedimento per la tutela indiretta, anche su motivata richiesta della Regione o di altri enti pubblici territoriali interessati”. Il diniego alle concessioni demaniali viene giustificato dal Comune sostenendo che si vuole garantire il mantenimento di una libera veduta dalla costa del complesso culturale ambientale formato dal Castello sul mare ed il realizzando fronte a questo prospiciente. Recentemente quest’area ed il prospiciente specchio d’acqua è stato interessato da procedimenti finalizzati all’ottenimento della concessione demaniale per la realizzazione di pontili e attrezzature di interesse per la nautica da diporto. Il primo cittadino ha deciso di adottare il pugno di ferro in materia. Ritiene inaccettabile che un territorio turistico come Castellammare debba soffrire di queste situazioni ambientali che ne pregiudicano immagine ed ecosistema. Non a caso nei giorni scorsi la giunta municipale ha stabilito di costituire un’apposita squadra adibita esclusivamente a questo tipo di controlli che avverranno addirittura a cadenza settimanale.

Ci sono state diverse conferenze di servizio per discutere la querelle ma alla fine è emerso che il Demanio non bloccherà l’iter delle concessioni lungo l’area portuale castellammarese. Presa di posizione che ha scatenato la reazione del sindaco che ha già annunciato una vera e propria battaglia legale con l’agenzia dello Stato. In questa vicenda c’è da tenere in conto il parere negativo già espresso dalla Soprintendenza ai beni culturali e il mancato pronunciamento in merito della Soprintendenza del mare. I dubbi sarebbero legati al fatto che l’installazione dei pontili, dalla Cala marina a Cala Petrolo, potrebbero deturpare un fascia costiera dove ricadono possibili reperti da tutelare, specie in prossimità del Castello. Dal suo canto il Demanio ha risposto picche al Comune precisando che al rilascio delle concessioni non sono vincolati né dal parere della Sovrintendenza, né da quello dell’ente locale.

one suspects that he’s now to become a super powered anti hero
woolrich jassen A Silk Tie Designers Reviews

how learning eye makeup how
chanel sneakersGrowing fashion trends of Piercing Jewelry