C/mare del Golfo- “Orme di donne”, il progetto della rete antiviolenza e dello sportello Donna

0
416

“Orme di donne”: è il progetto che sarà presentato a Castellammare del Golfo in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. L’appuntamento è in programma per giovedì 23 novembre nell’aula magna dell’istituto superiore Mattarella Dolci. Il progetto è curato dallo sportello Donna e dalla rete antiviolenza promossa dal Comune con la polizia municipale, le scuole Mattarella Dolci, Pascoli e Pitrè, l’ufficio Servizi Sociali comunali, la commissione Pari Opportunità e la psichiatria infantile dell’Asp. La rete antiviolenza si è costituita l’anno scorso con la firma di un protocollo d’intesa grazie alla determinazione delle volontarie dello sportello Donna che avevano acquisito competenze specifiche per mezzo di un corso di formazione finanziato con il fondo regionale per le politiche relative ai diritti ed alle pari opportunità e già conclusosi, denominato “Il Viaggio di Emma”. Lo “sportello donna” è stato istituito a Castellammare nel 2013 come punto di primo ascolto ed è poi divenuto, con la formazione, centro antiviolenza. Il partenariato con Le Onde Onlus”, associazione che da 20 anni si occupa di prevenzione e contrasto al fenomeno della violenza contro le donne, ha supportato il percorso con il proprio bagaglio di capacità e conoscenze in materia. Il centro ha poi avuto un ulteriore finanziamento di 10 mila euro dalla Regione per “Orme di donne”, a testimonianza del proficuo lavoro svolto. Il programma dell’incontro di giovedì prevede alle ore 9,30 l’apertura dei lavori da parte della dirigente dell’istituto Mattarella-Dolci, Loana Giacalone, quindi i saluti del sindaco Nicolò Coppola e degli assessori alle Pari Opportunità ed ai Servizi Sociali, Lorena Di Gregorio e Antonio Mercadante. Le volontarie dello sportello Donna parleranno della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra il 25 novembre, mentre gli studenti delle scuole Pascoli e Pitrè leggeranno brani scelti dal testo “Ferite a morte” di Serena Dandini. Saranno quindi illustrati i lavori del Mattarella-Dolci realizzati nell’ambito del progetto “Orme di donne” a cura delle associazioni CastelloLibero e Le Pleiadi rispettivamente sui temi “Testimoni di giustizia, testimoni di vita” e “Dal lavoro di sensibilizzazione sulla violenza di genere alla riflessione creativa”.