‘Cluster’, 38 milioni per i distretti produttivi. Possibilità anche per Custonaci, Mazara e Castelvetrano

Pubblicato il bando “Cluster in Sicilia” per accedere ai contributi per sviluppare i poli produttivi di specializzazione dell’isola. In ballo ci sono oltre 38 milioni di euro. “Con questo bando raggi si raggiunge un importante traguardo – ha detto l’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano –; siamo, infatti, i primi a pubblicare un bando sulle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione 2021-27 a valere sui circa 70 milioni di euro assegnati all’assessorato regionale che, a breve, – ha aggiunto Turano – pubblicherà altri tre bandi, rispettivamente, per nuove imprese, investimenti PMI e acceleratori di innovazione”.

A beneficiare dei contributi Cluster per una dotazione di oltre 38 milioni saranno i consorzi, le società consortili, le cooperative e le reti di impresa, collocati all’interno dei distretti produttivi che presenteranno una proposta progettuale con il programma di spesa. “L’intervento finanziario – ha ripreso l’esponete alcamese della giunta Musumeci – sarà diretto a migliorare l’efficienza produttiva e gestionale, oltre che la logistica nelle imprese dei cluster produttivi e ad incrementare, nel sistema delle piccole e medie imprese, la capacità di penetrazione all’estero anche attraverso incisive azioni di marketing e dotazioni digitali per lo sviluppo delle imprese dei 24 distretti produttivi dell’isola”. Il contributo erogato sarà a fondo perduto pari al 90 per cento del costo totale ammissibile del programma di spesa.

Obiettivo dei programmi di spesa cluster è rafforzare la cooperazione tra imprese, realizzare iniziative di promozione e commercializzazione dei prodotti, con azioni di marketing e creazione di marchi, concentrare l’offerta in una logica di filiera per ridurre i costi di produzione, garantire la tracciabilità dei prodotti e aumentare il livello qualitativo delle produzioni, introdurre competenze specialistiche. Le agevolazioni saranno concesse attraverso la procedura valutativa a sportello, mediante domanda telematica da presentare dal 5 al 20 maggio 2022. Fra i 24 distretti produttivi anche quelli del marmo a Custonaci, dell’olio extravergine di oliva siciliano a Castelvetrano, delle olive da tavola sempre nel castelvetranese, della ‘Pesca e Crescita Blu’ e ‘Nautico del Mediterraneo’, entrambi di Mazara del Vallo.