Calcio/Eccellenza-L’Alcamo a Canicatti con la punta “Perlaza”

0
527

Da fasti, ma è stata una meteora, del calcio colombiano a quelli meno visibili e noti delle categorie dilettantistiche. E’ il cursus honorum del nuovo tesserato dell’Alba Alcamo. Il suo nome e cognome per lunghezza ricorda quello di Edison Arantes do Nascimento, detto Pelè, considerato con Maradona, il più forte calciatore di tutti i tempi.  Il nuovo arrivato nel Grand Hotel “Alba Alcamo”, ha nel rispetto delle tradizioni sud americane un nome e cognome molto lungo. Si chiama Wainer Alberto Perlaza Hurtado, classe 1993, nato a Buenaventura in Colombia con passaporto italiano. Per abbreviare il suo soprannome è “Perlaza” Probabilmente avrà qualche lontana parentela con emigrati italiani. Dai fasti del Deportivo Cali Millionarios ai campi in terra battuta del Rocca di Caprileone e nel La Sabina, squadra laziale dell’Eccellenza. E ora nell’Alba Alcamo. Per caratteristiche, dice l’Alba Alcamo, può svariare su tutto il fronte d’attacco come mezzala. Già da domani per la trasferta di Canicattì può essere utilizzato dall’allenatore Giuseppe Guida. Per la gara esterna di domani nell’Alba Alcamo risulta indisponibile solo il portiere Zummo, a causa di un infortunio. Arbitrerà il signor Li Vigni di Palermo, che i bianconeri non hanno certo un bel ricordo per la sua direzione di un incontro lo scorso campionato col Dattilo Noir. Intanto Baldo Marchese, presidente dimissionario per protesta alle note vicende legate alla lunga indisponibilità del Catella, dove la squadra ha fatto rientro la scorsa domenica, annuncerà il ritiro delle dimissioni durante un apposito incontro. Ma Marchese se pur dimissionario è stato sempre vicino alla squadra, che domani a Canicattì per il suo ritorno a tempo pieno alla guida della società,  vuole regalargli punti importanti per la risalita in classifica.