Birgi, debito con Ryanair. Castelvetrano e Pantelleria non pagano, altri comuni ripianano

Sembra finalmente essere arrivata verso una soluzione la vicenda del debito contratto, cinque anni fa, dai comuni del territorio trapanese verso la compagnia aerea Ryanair. L’assemblea dei sindaci, riunitasi alla Camera di Commercio di Trapani alla presenza della dirigenza di Airgest, società di gestione dell’aeroporto di Birgi, ha infatti stabilito la ripartizione dei 200.000 euro che mancano per saldare il debito con la società irlandese.

“Soltanto i comuni di Pantelleria e Castelvetrano, amministrati dal Movimento Cinque Stelle – ha detto il presidente della Camera di Commercio, Pino Pace – hanno deciso di non onorare l’impegno sottoscritto allora per la promozione del territorio”. E’ stata già avviata un’azione legale verso il comune di Castelvetrano e stessa cosa sarà fatta anche verso Pantelleria “ma visto che i tempi per recuperare le somme sono abbastanza lunghi, – ha spiegato Pino Pace – gli altri comuni presenti all’incontro hanno deliberato di ripartire il debito tra di loro”. La parte maggiore del debito e delle somme che Castelvetrano e Pantelleria non intendono versare, saranno coperte dalla Camera di Commercio, dal comune di Trapani e da quello di Marsala, per un totale di 93.000 euro.

Il prossimo passaggio per chiudere la vicenda del debito con Ryanair sarà quello della predisposizione delle delibere di giunta dei vari comuni, per rendere esecutivi i pagamenti. La previsione della Camera di Commercio è quella di onorare gli impegni assunti con la compagnia aerea irlandese  entro il 30 aprile. La proposta e l’iniziativa del presidente camerale Pino pace è stata ovviamente accolta con soddisfazione dal numero uno di Airgest, Salvatore Ombra che, fin dal suo insediamento, ha puntato sulla ricucitura di questo strappo con Ryanair al fine di gettare le basi di nuovi accordi e, quindi, del rilancio dell’aeroporto. Insomma Ombra ritiene l’intesa tra i Comuni come un atto necessario e propedeutico a definire gli accordi per le nuove rotte con Ryanair.