Automobilismo-Alcamo, domani sera passaggio del Giro di Sicilia

 

Un’edizione di lusso con 235 iscritti provenienti da varie parti del mondo. Numeri altissimi e grande interesse dei tantissimi appassionati per la 27^ edizione del Giro di Sicilia per auto storiche, organizzato dal Veteran car club  Panormus.  La lunga carovana arriverà ad Alcamo domani giovedì alle 21,20 per imboccare il Corso VI Aprile dove si svolgerà una prova speciale. Ogni anno al passaggio delle auto  e relativi equipaggi due grandi ali di folla e non solo ad Alcamo fanno da cornice per ammirare auto che hanno fatto la storia. In gara due Bugatti del 1927, una Ford del 1929, una Lancia del 1932, una Fiat 508 spider sport del 1934 e poi Ferrari, Porsche, Abarth, Alfa Romeo,  Wolkswaghen, Austin Heley, Citroen e tante altre belle vetture. Sono otto gli equipaggi alcamesi che partecipano al Giro e rappresenteranno la scuderia alcamese del Castello. La partenza dal viale della Libertà a Palermo alle 20 e poi gli attraversamenti di Monreale, Borgetto, Partinico, Alcamo, Castellammare, zona archeologica di Segesta e conclusione della prima tappa a Marsala. La prima edizione del Giro di Sicilia si svolse nel 1930. L’ultimo nel 1957 con una media di 120 chilometri orari e su un percorso di mille e 50 chilometri. Era il tempo dell’automobilismo agonistico e romantico. Era il tempo delle vere corse su strada, come la mitica Targa Florio, dove emergeva la bravura dei piloti. La strada, quella  percorsa tutti i giorni, il rombo dei tanti cavalli e il pilota con casco e maglietta rappresentavano dei miti che hanno avuto per esempio  in Tazio Nuvolari e nel palermitano Ninni Vaccarella, tanto per citarne due e con grande rispetto per tanti altri,  personaggi che occupano un posto importante nella storia delle corse di auto. Oggi manifestazioni come la Mille Miglia o il Giro di Sicilia, gare di regolarità, riportano indietro nelle memoria epiche sfide.