Aumento Imu e Tasi ad Alcamo, sindacati chiedono confronto con Arnone

Cgil, Cisl e Uil intervengono sulla questione dell’aumento dell’Imu e della Tasi ad Alcamo, da poco approvato dal consiglio comunale.

I segretari comunali delle tre sigle sindacali, rispettivamente Giuseppe Favara, Daniela Lo Sciuto e Aldo Vaccaro, chiedono, di essere ricevuti dal commissario del comune Giovanni Arnone per un confronto sul tema.

“Prima di aumentare ancora una volta le tasse – affermano i sindacalisti – sarebbe stato opportuno convocare le parti sociali per un confronto. Fissare le aliquote al massimo consentito dalla legge, nel caso della Tasi al 2,20 e nel caso dell’Imu al 10,60, vuol dire non tenere conto dello stato sociale in cui versa la cittadinanza alcamese, già vessata da tasse e imposte anche negli anni passati. Il Comune – aggiungono infine – ha aumentato l’Imu senza tenere conto che ancora è creditrice delle somme non versate nel mese di giugno. Ci auguriamo che da un incontro con il commissario Arnone possano scaturire spunti di lavoro comune a favore dei cittadini di Alcamo”.