Assolto il Presidente del Consiglio Provinciale

La Corte di Cassazione ha assolto definitivamente il presidente del Consiglio Provinciale di Trapani Peppe Poma, dall’accusa di concussione riconoscendo “insussistente ogni profilo di responsabilità penale” e, dunque, il suo corretto operato.La vicenda riguardava una sua presunta interferenza nella gestione della Megaservice, la società partecipata dalla Provincia. Più in particolare, secondo l’accusa, nel luglio 2006, Poma, allora assessore provinciale, intervenne all’assemblea dei soci della Megaservice, su delega del presidente D’Alì, manifestando, l’intenzione di revocare i vertici della società.

Poma era già stato assolto nell’ottobre del 2011 dal Tribunale di Trapani, ma il pubblico ministero aveva presentato ricorso rilevando “l’erronea applicazione della legge penale, della legge processuale penale nonché di disposizioni di legge da cui dipende l’applicazione della legge penale”.

Ma la sesta sezione della Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso addivenendo alla definitiva assoluzione.

Peppe Poma, tra l’altro, proprio oggi dovrebbe incontrare il presidente della Regione, Rosario Crocetta, per le questioni riguardanti la vertenza relativa alla proposta di scioglimento e messa in liquidazione della società di multiservizi Megaservice.