Anna Grassellino “Donna dell’anno” per D la Repubblica

Anna Grassellino, scienziata e direttrice del Centro SQMS Superconducting Quantum Materials and Systems del Fermilab, è stata individuata come “Donna dell’Anno” dalla rivista D La Repubblica, grazie al voto del pubblico che l’ha selezionata tra 50 donne italiane eccellenti che hanno lasciato un segno nel 2020 in diversi campi. “Sono così onorata di essere stata nominata Donna dell’Anno 2020 da D La Repubblica”, ha detto Anna Grassellino. “Il 2020 è un anno che ha portato maggiore consapevolezza dell’importanza cruciale della scienza come faro di speranza per il futuro della nostra società. Spero di dimostrarmi una vera testimonial della rilevanza che ha l’investire nella scienza e nell’innovazione, e di poter essere di ispirazione per le molte ragazze e donne che aspirano ad avere una carriera nelle discipline scientifiche. Il mio messaggio per loro è “sì, potete”, e che la scienza è guidata dalla creatività e prospera grazie alla diversità”. Anna Grassellino è nata Marsala e ha studiato ingegneria elettronica all’Università di Pisa. Ha iniziato la sua carriera all’ istituto nazionale di fisica nucleare  e ha poi conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università della Pennsylvania prima di entrare a far parte del Fermilab nel 2012. La sua specialità è la tecnologia a radiofrequenza superconduttiva, nota come SRF, il cuore dei moderni acceleratori di particelle. Ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti per la scoperta del doping con azoto, una tecnica che aumenta notevolmente l’efficienza delle cavità SRF. Il Centro SQMS,  diretto da Anna Grassellino,  ha l’ambizioso obiettivo di progettare e costruire il più potente computer quantistico mai realizzato entro i prossimi cinque anni.