Alcamo-Tesseramenti e assemblea, è polemica nel Pd

0
304

Il tesseramento è ancora valido. L’assemblea è perfettamente in carica e pertanto il Partito democratico di Alcamo può procedere all’elezione del segretario. Questa è la risposta della direzione regionale del Pd a due new entry, ancora senza tessera, tra i democratici: Gaspare Noto e Mimmo La Monica, entrambi politici navigati e Ignazio Filippi, l’ideologo locale di Big bang. I tre durante una riunione avevano chiesto di riaprire il tesseramento ed eleggere l’assemblea, probabilmente allo scopo di potere gestire un pacchetto di voti, che oggi chiaramente non hanno e prendersi in mano la guida di quella nave senza nocchiero in gran tempesta che è il Pd oggi ad Alcamo. La direzione regionale ha risposto che la elezione si farà alla scadenza naturale. Ma non mancano i mugugni in casa Pd e in molti si chiedono se Noto e La Monica hanno oggi i titoli per partecipare alle riunioni, convocate ad Alcamo dal Pd che da oltre due anni è guidato da una reggenza che non riesce a mettersi d’accordo per l’elezione unitaria del segretario e quindi si è affidata al grande vecchio Massimo Ferrara, che con la saggezza derivante dall’età dovrebbe mettere ordine ad una truppa allo sbando: Truppa del Pd che potrebbe pagare questa situazione, in termini di voti, alle prossime elezioni comunali. Non si può quindi escludere che stando così le cose il prossimo segretario comunale del Pd, potrebbe essere lo stesso Massimo Ferrara. Un Pd, quello alcamese, che da un paio d’anni è senza guida anche per la mancanza di una leadership in grado , con la sua competenza e autorevolezza, di dare le linee guida e quelle programmatiche. La crisi del Pd è dimostrata anche dalle defezioni verificatesi in consiglio comunale, che ha ridotto la rappresentanza tra gli scranni del Consiglio. E nonostante è iniziato il conto alla rovescia per le elezioni comunali nel Pd sembra che si cerchino tessere per spartirsi cariche e potere mirare a posti di potere. Che le polemiche puntualmente infiammano tra i democratici mentre i problemi della gente sono altri e molto più seri di questi antichi giochetti per la detenzione di pacchetti di tessere e potere orientare scelte in molti casi per ambizioni soltanto personali.