Alcamo- Progetto Villard e riqualificazione di Alcamo Marina: giovedì la presentazione

0
353

Conferenza stampa di presentazione giovedì prossimo, 19 ottobre, alle ore 11.00, presso l’Aula consiliare del Comune di Alcamo, del Progetto Villard, siglato fra il Comune di Alcamo e l’Università Iuav di Venezia (fino al 2001, Istituto Universitario di Architettura di Venezia) che si occupa di architettura, design, teatro, moda, arti visive, urbanistica e pianificazione del territorio. Alla conferenza saranno presenti il sindaco Domenico Surdi, l’assessore Vittorio Ferro, l’architetto Marcello Maltese, dell’Ordine degli Architetti di Trapani, e Daniela Ruggeri per l’Università di Venezia. Si tratta di un seminario itinerante che prevede la messa a punto di un progetto su un tema presentato all’inizio del seminario e sviluppato nel corso dell’anno in diverse tappe. L’amministrazione Surdi ha individuato quale porzione di territorio oggetto di studio la località balneare di Alcamo Marina, che nel corso del tempo ha subito una serie di interventi di infrastrutturazione e urbanizzazione che hanno modificato pesantemente le condizioni del litorale.

L’assessore Vittorio Ferro dichiara: “L’Accordo di collaborazione fra l’Università Iuav di Venezia e il Comune è finalizzato all’organizzazione del Seminario internazionale e itinerante di Architettura, Villard:19, a.a. 2017/2018”.

“Il seminario Villard è stato fortemente voluto dall’amministrazione Surdi e voglio qui ricordare che tutte le fasi sono state seguite personalmente con la collaborazione degli architetti Pietro Artale e Marcello Maltese e della dott.ssa Ruggeri dello IUAV. Del seminario Villard se ne è discusso, la prima volta, in Terza Commissione che ha scelto come oggetto proprio quello della riqualificazione di Alcamo Marina e grazie ad un vero lavoro di squadra è stato possibile raggiungere la meta dell’organizzazione del Seminario”.

Il sindaco Domenico Surdi aggiunge, al riguardo: “Siamo orgogliosi di questo traguardo perché finalmente, dopo tanti anni, il Comune si occupa di Alcamo Marina che potrebbe diventare, se opportunamente rivalorizzata, volano di sviluppo per la crescita del nostro territorio”.

“La riqualificazione della costa di Alcamo, del suo water-front – si legge in una nota del Comune di Alcamo – non può prescindere dal considerare l’intero sistema idrico, orografico e ambientale alcamese che giunge a mare dal Monte Bonifato, né tantomeno trascurare i problemi di connessione della località balneare con la Città. Pertanto, l’Università Iuav di Venezia indica come possibile integrazione al lavoro su Alcamo Marina altre aree di intervento, ossia le ex cave di marmo situate alle pendici della città, verso nord, che una volta costituivano una fascia parallela alla linea di costa, oggi meno riconoscibile e frammentata a causa dell’espansione incontrollata della città”.