Alcamo, piazza della Repubblica. Palloncini pieni d’acqua contro le persone

0
1521

Un branco di una decina di ragazzini, da alcune sere, sono diventati un vero e proprio terrore per coloro i quali transitano o si avventurano in quella sorta di terra di nessuno che è piazza della Repubblica, uno dei pochi polmoni verdi della città di Alcamo. Il branco si apposta dietro gli alberi o tra le auto parcheggiate lungo i marciapiedi e lancia palloncini pieni d’acqua contro le persone, presi di mira soprattutto gli anziani, o gli alcamesi che portano a spasso i loro cani all’interno della villa. Colgono anche di sorpresa le persone mentre scendono, dopo averle parcheggiate, dalle auto investendoli di acqua fredda per una doccia non gradita e fuori stagione. Lanci anche contro le auto in transito. Con molto anticipo ad Alcamo sono iniziati gli stupidi scherzi, che spesso si fanno durante il periodo del Carnevale. Ieri sera verso le 19, un alcamese, che lavora a Marsala, dopo avere parcheggiato l’auto è stato bombardato dal lancio dei palloncini. E’ caduto tra le aiuole uscendone tutto infangato e con una spalla slogata. Un appello è stato lanciato al Comune di Alcamo per intensificare i controlli e chiudere, almeno per il momento, l’acqua distribuita da una fontanella, dove vengono riempiti i palloncini. Fontanella che si trova sul marciapiede, lato est, accanto all’autostazione. Numerosi gli alcamesi centrati in queste sere dai gavettoni in piazza della Repubblica, luogo della movida selvaggia e di spaccio come dimostrano le operazioni di polizia e carabinieri. Con frequenza anche durante la sera transitano auto delle forze dell’ordine con i lampeggianti azzurri accesi, che si scorgono da lontano e quindi lasciano tutto il tempo ai vandali di potersi nascondere per poi riprendere i lanci. Sarebbero opportuni controlli in borghese a piedi e con auto civetta. Inoltre è opportuno iniziare a bloccare quei negozianti che vendono petardi, lanciati quasi tutto l’anno in piazza della Repubblica. Il fenomeno aumenta durante il periodo di Carnevale e spesso sembra di trovarsi al centro di un vero e proprio bombardamento.