Alcamo-Pedonalizzazione centro storico, organizzate manifestazioni

In vista della imminente chiusura ad Alcamo di corso VI Aprile, nel tratto compreso tra le piazze Bagolino e Ciullo, ci si mobilita in città per creare una serie di eventi per ravvivare il cuore pulsante della città e riempirlo di contenuti. A mettersi in moto le diverse associazioni che compongono il comitato “Basta smog” le cui pressioni di questi mesi hanno spinto il commissario in questi giorni ad emettere il provvedimento di realizzazione dell’isola pedonale permanente attraverso un’apposita ordinanza. E’ stato già creato un fitto calendario di appuntamenti che avranno inizio il prossimo 3 aprile e che per il momento sono stati programmati sino a tutto il mese di maggio. Si parte domenica prossima per l’appunto alle 17,30 con la “passeggiata” a cura dell’associazione sclerosi multipla “Sacro Cuore” con partenza all’altezza della cappelletta votiva di San Cristofaro, mentre sfrecceranno le bici elettriche messe a disposizione dall’associazione Laurus. Dal 4 al 16 aprile saranno installati degli striscioni artistici realizzati dagli alunni della 3 C dell’istituto comprensivo “Bagolino, iniziativa questa curata dall’associazione “Guide Turistiche” della provincia di Trapani. Il 7 aprile invece alle 17 sarà inaugurata una mostra dal titolo “AlcamoImagoUrbis: imago Urbis terra Alcami”, che prevede l’esposizione delle antiche mappe del territorio di Alcamo al locale Living Room su iniziativa dell’ istituto nazionale di BioArchitettura della sezione di Trapani. A seguire ci saranno altri 27 giorni di manifestazioni programmate, che chiaramente potranno essere incrementate strada facendo. Ci saranno progetti anche per i bambini delle scuole elementari per conoscere la propria città, delle proiezioni video per pubblicizzare la bellezza del Castello di Calatubo, dei mini concerti musicali che saranno curati dal liceo musicale “Vito Fazio Allmayer”, ed ancora visite guidate, mostre, eventi di promozione turistica e culturale in genere, laboratori didattici, manifestazioni canine, presentazione di libri, spazio anche alla creatività con pitture, sculture, foto e installazioni, ed infine “Cortissimi in corso” a cura dell’Associazione “Segni nuovi” ancora da definire. L’idea è quella quindi di ravvivare il centro storico per attirare gente, non solo residenti ma anche da fuori città. Un modo anche per tendere la mano ai diversi commercianti che invece hanno manifestato la loro contrarietà alla pedonalizzazione in questo momento, chiedendo al Comune prima di tutto di creare questi servizi necessari per attrarre la gente. Intanto il commissario ha voluto lasciare questo segno a poche settimane dal suo addio al palazzo di città.