Alcamo-Nuovo appalto rifiuti, vertice al Comune: sarà rivisto

0
456

Il nuovo piano dei rifiuti ad Alcamo sarà rivisto e se necessario ritoccato. L’impegno è stato preso dall’amministrazione comunale questa mattina al culmine di un faccia a faccia avuto con i sindacati preoccupati per le possibili conseguenze alla drastica riduzione dei fondi destinati dal Comune per coprire i costi del servizio di raccolta dei rifiuti in città. Alla fine di quest’anno è prevista l’emanazione del bando di gara con un nuovo contratto rimodulato nei mesi scorsi dall’amministrazione comunale e che prevede un taglio, rispetto agli attuali costi, di 1,4 milioni di euro l’anno. “Siamo soddisfatti – afferma Giuseppe Favara, segretario della Cgil di Alcamo – perché l’amministrazione comunale ci ha ascoltati ammettendo che nel piano predisposto dal Comune ci sarebbero delle incongruenze. Il governo cittadino ha preso l’impegno di rivedere il piano e di incontrare nuovamente i sindacati prima di Pasqua per verificare insieme gli aggiustamenti apportati”. A detta di Cgil, Cisl e Uil che hanno incontrato al municipio il sindaco Domenico Surdi e l’assessore all’Ambiente Roberto Russo, il rischio concreto è che delle 110 unità in servizio ad Alcamo addetti alla raccolta della spazzatura almeno una quarantina rischierebbero il posto di lavoro con il nuovo piano. “Non solo – precisa ancora Favara -: ci sarebbero gravi ripercussioni nella qualità del servizio rispetto anche a come verrebbe concepito il nuovo bando”. Nel dettaglio l’amministrazione comunale non ha mai presentato il nuovo piano. Sulla base di quanto annunciato genericamente dal primo cittadino il nuovo appalto presenterebbe tante “differenze rispetto al servizio attuale” riguardanti sia la raccolta differenziata ‘porta a porta’ per le utenze domestiche, sia per le utenze commerciali. Un cambiamento complessivo che, per l’appunto, porterebbe un risparmio notevole per le casse del Comune. Abbiamo provato a contattare il sindaco Surdi, il suo vice Roberto Scurto e l’assessore Russo ma non è stato possibile raggiungerli telefonicamente.