Alcamo, nasce il comitato “Difendiamo il Geosito Cave Cappuccini”

“Difendiamo il Geosito Cave Cappuccini”, è il comitato civico nato ad Alcamo il 5 maggio con l’obiettivo di salvaguardare il sito di interesse geologico e paleontologico, ubicato presso le ex Cave di C/da Cappuccini di Alcamo, la cui integrità sembra essere gravemente minacciata da un progetto del Comune di Alcamo per la realizzazione al suo interno di un grande anfiteatro. Il progetto era già stato fortemente criticato, nelle scorse settimane sia dall’associazione MODi sia dal Movimento 5 Stelle.

“Insensata la costruzione di un anfiteatro presso le ex cave Cappuccini ad Alcamo, nello stesso luogo in cui sono stati ritrovati reperti fossili unici e rinvenuti per la prima volta in Sicilia” avevano commentato i 5 stelle -“Non comprendiamo quanto la realizzazione di questa nuova opera possa essere utile in quel luogo” –  “Si tratta, infatti, di un sito molto importante dal punto di vista geologico e paleontologico – aveva affermato la deputata M5s all’Ars Valentina Palmeri – nel quale sono stati ritrovati reperti unici quali l’elefante nano, il ghiro gigante, carapaci e uova di tartarughe, risalenti a centinaia di migliaia di anni fa”.

“Un’opera pubblica che ha seri rischi, se realizzata, di diventare una ennesima ‘cattedrale nel deserto’ al solo scopo di far arrivare fondi pubblici in città” aveva scritto il presidente di MODi (Movimento Opinioni Differenti) Antonino Vallone, riferendo comunque che lo stesso sindaco Bonventre, durante l’incontro pubblico del bilancio partecipato “non ha escluso di chiedere all’Assessore regionale ai Beni Culturali che i 5 milioni di euro per l’Anfiteatro possano essere stornati a favore del restauro del Castello di Calatubo”. Proprio l’associazione MODi e il Movimento 5 stelle di Alcamo sono tra i fondatori del neo comitato insieme a diverse sigle associative Ass. Laurus Cultura-Ambiente, Legambiente di Alcamo, Associazione Geologi di Palermo, Amici della Terra, Salviamo il Bonifato, Salviamo il Castello di Calatubo. Hanno fatto inoltre pervenire la loro adesione: Archeoclub di Alcamo, Gruppo Archeologico Drepanon e C.I.R.S. centro ibleo di ricerche speleo-idrologiche.

Tutte le associazioni, ma anche singoli cittadini che condividono le finalità del comitato possono aderire scrivendo a geositoalcamo@gmail.it.

Tra le prime iniziative in programma:

– un incontro pubblico con i tecnici del Comune responsabili del Progetto dell’Anfiteatro per ottenere da loro maggiori dati e informazioni più approfondite;

– un convegno con la partecipazione di esperti per informare i cittadini sia del valore unico e scientifico del sito paleontologico sia dei positivi aspetti turistici ed economici che potrebbero derivare dalla valorizzazione delle ex Cave, senza che le stesse vengano snaturate dall’invasione di una mega costruzione;

– richiesta al Sindaco di una urgente rimozione degli accumuli di sfabbricidi e di altri rifiuti solidi presenti nel sito e della messa in sicurezza dello stesso, dal rischio di atti di vandalismo o di manomissioni dei reperti fossili affioranti nelle pareti di travertino e da ulteriori ed illegali conferimenti di rifiuti solidi.

(Nella foto: uova di tartaruga nel sito delle ex cave di c.da Cappuccini)

what you should do when the truth that people do not like you
isabel marant sneakers Comfort Sandals For Walking And Everyday Wear

and people totally steal stuff from the laundry room
louis vuitton taschenHaute Couture Spring 2013 Photos