Alcamo-Migliora la raccolta differenziata: meno rifiuti “inquinati”

0
543

Slancio della raccolta differenziata ad Alcamo. Nell’ultimo mese il tasso d’inquinamento dei rifiuti differenziati, quindi umido, carta, plastica, vetro e metalli, è sceso al 5 per cento, riducendo di due terzi il precedente dato. A renderlo noto l’assessore all’Ambiente del Comune di Alcamo Roberto Russo che chiaramente mostra particolare soddisfazione: “Su questo devo dire che ho potuto registrare una grande maturità da parte dei cittadini – afferma .-. Magari gli alcamesi sono distratti in alcune cose, in altre invece dimostrano un grande senso civico. E’ ovvio che non ci possiamo fermare qui e dobbiamo continuare ad andare avanti”. Il tasso d’inquinamento dei rifiuti differenziati è il non corretto conferimento della spazzatura. Sino a qualche mese fa questa cifra si attestava a livelli ben più alti, addirittura il triplo: infatti questo tasso era pari al 15 per cento. Il che significa che il Comune, ogni qual volta andava a conferire nelle apposite piattaforma di stoccaggio puntualmente subiva delle riduzioni economiche consistenti rispetto alla quantità conferita proprio perchè non tutto il rifiuto era conferme. “Sarà un beneficio per tutti, cittadini, imprese e commercianti, – aggiunge Russo – perchè è chiaro che i benefici economici del riciclaggio del rifiuto saranno maggiori. E più alti sono gli introiti e più la tassa si può abbassare per l’utente finale. Al di là dei benefici economici ci sono poi anche quelli ambientali che non sono da meno”. A breve oltretutto l’intenzione dell’amministrazione comunale è quella di avviare una fitta opera di sensibilizzazione per le attività commerciali ed i condomini, dove ancora si registra qualche criticità per la raccolta differenziata: queste utenze non raggiungono la media della città di rifiuto differenziato che ha superato il 50 per cento stabilmente. In quest’ottica della diminuzione del rifiuto indifferenziato è quasi pronta oramai l’entrata in vigore della riduzione della raccolta della frazione secca: i turni di raccolta “porta a porta” saranno portati dagli attuali 3 a 2 a settimana. “L’ordinanza è stata quasi predisposta – precisa l’assessore – e a breve sarà emanata. Oramai bisogna spingere forte sulla differenziata, è l’unico modo per evitare delle emergenze come quelle accadute recentemente dettate dalla quasi totale saturazione delle discariche siciliane”. A breve e medio termine ci potranno essere altre novità, come ad esempio l’introduzione dell’obbligo all’utilizzo del sacchetto trasparente per permettere all’operatore ecologico di valutare il rifiuto conferito senza bisogno di ispezionarlo. Sul ripristino poi degli incentivi per chi porta rifiuti differenziati direttamente al Ccr di contrada Vallone Monaco l’assessore da buone notizie: “Con il bilancio 2017 puntiamo a ripristinare tutto e a garantire anzi quote di abbattimento della tassa dei rifiuti maggiori”, conclude l’assessore Russo.